Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 18, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Novelli e Zarini – Per esclusione

| On 28, Gen 2011

Il libro:
Edizione Marsilio/Collana Farfalle
Anno 2008
522 pagine – Brossura

La trama:

Protagonisti i bambini, la cui innocenza viene violata da un assassino che si fa chiamare Salomone. Lo scenario è New York, dove sembra esistano più serial killer che su tutto il resto della terra. La dinamica è sempre uguale, famiglie che hanno due figli, che all’improvviso se ne vedono rapire uno e vivono ore di angoscia per poter riabbracciare le loro creature. Ma questo, immancabilmente, non succede.
Segue il caso l’agente dell’FBI Craig Dabencourt, che ritorna a lavorare dopo un brutto incidente in missione e questo sarà un caso molto difficile da risolvere.

Romanzo agghiacciante, che agisce su una delle paure primarie nei genitori, che succeda qualcosa di male ai propri figli. Ed è forse questo il motivo per cui sono riuscita ad arrivare alla fine del libro. Non ho figli e non ne sono rimasta coinvolta. Perché chi è genitore non può non restare coinvolto da una storia di disperazione, di dolore, di rabbia. Un uomo che diventa giudice supremo della vita degli altri, un uomo che si erge a giustiziere, sottoponendo i genitori ad una scelta, che deciderà il destino dei loro figli.
La domanda che forse si sentono fare tutti i bambini: “Ami di più la mamma o il papà?”. Così come i genitori stessi, alla presenza di più figli all’interno della famiglia, “scelgono” inconsciamente il bambino che preferiscono, quello più bravo, più rispettoso. La dote fondamentale che un genitore deve avere è l’imparzialità. I figli sono tutti uguali. Ma in realtà non è così. Perché di fronte ad una scelta, la più estrema, ci sarà sempre un bambino che emergerà rispetto all’altro.

Gli scrittori:

Andrea Novelli e Giampaolo Zarini sono amici e scrittori, entrambi risiedono a Savona.
Il loro stile di scrittura è lineare e visivo, le loro trame mediano al ritmo della suspense il senso dell’indagine scientifica con personaggi che si muovono tra le pagine come attori su un set cinematografico.Il loro primo libro “Soluzione finale” è un medical thriller che ha vinto il Premio Palazzo al Bosco 2003 di Firenze come miglior inedito e nel 2005 è stato eletto miglior opera prima di narrativa a “Un libro per l’estate”.

Se volete saperne di più su di loro, visitate il sito http://www.novellizarini.it/.

Qui la mia recensione de Il paziente zero
E qui L’intervista

Se vuoi... commenta