Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | June 27, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Edward Bunker – Educazione di una canaglia

| On 20, Feb 2011

Il libro:
Editore Einaudi / Collana Super ET
Anno 2008
519 pagine – Brossura
Traduzione Emanuela Turchetti
La trama (che in questo caso è la descrizione della vita di Bunker):
Dopo vari tentennamenti, sono riuscita a finire in questi giorni il libro di Bunker che, più degli altri, mi ha profondamente colpita, quasi disgustata, dal sistema carcerario americano.
Più degli altri libri, questo riporta per filo e per segno la vita di Bunker, da quando, ragazzino, entrava e usciva da case di correzione, riformatori, fino alle peggiori carceri della California, San Quintino.
Aveva un’intelligenza spiccata, ma non tollerava le imposizioni e le regole. Spesso si è trovato in situazioni create da altri, ma la verità è che non riusciva a rientrare nei binari di una vita “regolare”.
E’ riuscito anche a spacciarsi per pazzo, a inventarsi aggressioni mai avvenute, ad acquisire così una forma di rispetto dagli altri detenuti.
Ha provato anche la droga, dagli spinelli ai buchi, ma il contrasto fortissimo che permea dalla sua storia, è che leggeva tantissimo e aveva una cultura ben al di sopra dei suoi compagni di cella.
Picchiato a sangue dai secondini, scampato alle attenzioni di detenuti gay, ha cercato di sopravvivere in qualche modo ai 17 anni di reclusione che ha scontato, leggendo e scrivendo.
Difficile condensare 500 pagine di violenza e di brutalità, difficile non accennare al fenomeno di razzismo e alle guerre tra detenuti solo per il colore della pelle, difficile non essere nauseati da tanta crudeltà.
Difficile non amare questo personaggio, che è riuscito ad emergere e a condurre l’ultimo periodo della sua vita come una persona “normale”.
Un libro per certi aspetti…noioso, nella descrizione di quanto il male possa fare parte di noi e di quanto i ruoli possano invertirsi, e l’ambiguità regna tra carcerieri e carcerati.

Qui le recensioni di: Come una bestia feroceCane mangia caneAnimal factory.


Lo scrittore:
Nasce nel 1933 a Hollywood e muore nel 2005. Ha avuto un passato da criminale, ma che non gli ha impedito di diventare uno scrittore, sceneggiatore e perfino attore, ricercato da registi come Quentin Tarantino e da attori come Robert De Niro.
Sin da ragazzino conosce il riformatorio, in cui inizia a scrivere avendo ricevuto in regalo una macchina su cui digita il suo primo romanzo. Un’intelligenza fuori dal comune, Edward detto “Eddie”, sempre in fuga tra vari istituti di correzione, preso sotto l’ala protettrice di Mrs Wallis, tra gli anni ’40 e ’50, ex diva del muto che lo aiuta come un figlio, gli scrive mentre è in carcere. Tutto ciò non gli ha impedito di essere uno dei migliori scrittori di noir e da cui sono stati tratti alcuni film, tra cui “Vigilato speciale” e “Animal factory”.

Se vuoi... commenta