Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | October 17, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Henning Mankell – Il ritorno del maestro di danza

| On 20, Feb 2011

Il libro:
Editore Marsilio / Collana Tascabili maxi
Anno 2010
491 pagine – brossura
Traduzione Giorgio Puleo

La trama:

Herbert Molin, ex poliziotto in pensione, decide di ritirarsi in un casolare sperduto nel nord della Svezia. Ma un brutale assassino lo raggiunge per accompagnarlo in un ultimo, terribile ballo con la morte. Quando la polizia arriva sulla scena del delitto, trova delle impronte di sangue che sembrano tracciare i passi del tango.
Il trentasettenne ispettore di polizia Stefan Lindman, un tempo collega della vittima, si butta a capofitto nelle indagini e scopre ben presto l’inquietante passato nazista di Molin. Sulle tracce dell’assassino, che dalla Svezia portano in Germania e Argentina, la sua inchiesta ripercorre un pezzo doloroso della nostra storia.
Non avevo ancora letto niente di Mankell, ma questo libro non mi ha convinta, anche se sono sicura di essere una voce fuori dal coro..in realtà, non c’è un particolare preciso del mio mancato apprezzamento alla storia. Si delineano bene i personaggi, la trama è ben costruita, ma forse manca la suspence che piace a me nei libri, quel nervo scoperto che ti fa andare avanti nella lettura e non vedi l’ora di arrivare alla fine.
Al contrario, mi sono “trascinata” per arrivare alla fine e non mi è rimasto molto da commentare.
Sicuramente non mi fermerò qui, ma forse non è semplicemente il mio genere..
Non riesco a dare un voto molto alto..
Lo scrittore:
Nasce a Stoccolma nel 1948. Scrittore noto per i suoi romanzi polizieschi con protagonista Kurt Wallander.
Della sua vita lui stesso racconta: Neve, tanta neve. Uno dei suoi primi ricordi, prima di crescere tra il Mozambico e la Svezia, descrivendo la sua vita con un piede nella neve e un piede nella sabbia..
A soli due anni, a suo padre fu proposto di diventare giudice della corte di un piccolo paese della Svezia, chiamato Sveg e, nonostante passasse molte delle sue giornate invernali nel buio classico dei paesi nordici, lo ricorda con rimpianto.

Al sito dell’autore troverete l’interessante biografia e non solo: http://www.henningmankell.com/

Se vuoi... commenta