Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | June 27, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Minette Walters L’ombra del camaleonte

| On 18, Feb 2011



Il libro:
Editore Longanesi
Anno 2011
Pagine 444 – Rilegato
Traduzione Seba Pezzani

La trama:
Un brano del libro :

“Riconobbe suo padre, prima di ricordare chi fosse lei. L’identificazione di quell’uomo dall’aria stanca, che si aggirava ai margini del suo campo visivo, fu come una scarica elettrica. L’istante successivo capì chi fosse quella donna e perché il suo tocco lo disgustasse. Riemersero altri frammenti. Gli tornò alla memoria il suo nome: Charles Acland. La sua occupazione: tenente dell’esercito britannico. La sua ultima missione: l’Iraq.
Visualizzò il ricordo nitido (e io avrebbe riesaminato più volte in seguito, per cercare di capire) del momento in cui era salito sull’Hercules della RAF in partenza per il Medio Oriente. Ipotizzava che l’aereo si fosse schiantato durante il decollo, perché l’ultima cosa che ricordava era l’istante in cui si era allacciato le cinture di sicurezza…”
In uscita il 24 febbraio 2011, il thriller psicologico di Minette Walters, un romanzo di forte impatto emotivo e di grande empatia con il personaggio principale, Charles Acland che, durante una missione in Iraq, è vittima di un attacco terroristico, insieme a due compagni, i quali muoiono mentre lui resta ferito.
Le sue condizioni non appaiono gravi, ma perderà irrimediabilmente un occhio. Non solo, un lato del suo viso rimarrà deturpato, nonostante i vari interventi chirurgici a cui viene sottoposto. A seguito di questo incidente, l’esercito deve valutare la possibilità di reintegrare il tenente Acland in servizio, ma dopo essere stato tenuto in osservazione da medici e dallo psichiatra dell’ospedale militare, sembra che qualcosa sia cambiato nel suo atteggiamento e comincia a soffrire di tremende emicranie.
Diventa nervoso e irascibile, appena viene sfiorato butta giù la testa e attacca chiunque gli si pari davanti, che siano donne o anziani, non fa differenza..sembra che la sua ex fidanzata Jen lo abbia lasciato per questo motivo prima di partire per la missione in Iraq, ma dopo l’attacco sembra che questo aspetto sia peggiorato.
Non sopporta i genitori, in particolare la madre, che a suo dire lo soffoca di attenzioni e non è disposto a tornare a casa con loro, dopo le dimissioni dall’ospedale.
Quando prende a botte un pakistano all’interno di un pub, sempre perchè questo lo aveva semplicemente spintonato, si riduce in uno stato pietoso tale che la donna che gestisce il locale – Jackson – imponente nel fisico da body building, nonché dottoressa, gli offre un letto e delle cure mediche e, nonostante tutto, prende a cuore il destino di questo ragazzo senza patria e senza futuro e cerca di comprendere le ragioni del suo comportamento.
Nello stesso periodo, avvengono misteriosi omicidi, sicuramente commessi dalla stessa persona per la ripetitività del modus operandi: uomini anziani, vedovi o soli, colpiti ripetutamente, fino alla morte. La polizia inizia un’indagine accurata, la cui traccia porta irrimediabilmente a Charles Acland. Troppi indizi sembrano accusarlo degli omicidi. Riuscirà a dimostrare la propria innocenza?
Devo dire di essermi appassionata alla storia di questo ragazzo, ripensando come ogni giorno diano notizie di soldati morti in missioni nei Paesi considerati “caldi”, Iraq, Afghanistan ecc.
E quanti di questi siano ragazzi che sarebbero disposti a dare la vita per il proprio Paese. Ma succede anche di ritornare in patria feriti gravemente e forse non più adatti a ritornare nell’esercito, spesso mutilati nel corpo e nella mente. E cosa può fare di altro un soldato se non ancora il soldato?
Charles Acland ha sperato fino alla fine di poter tornare nel corpo militare, ma ha anche maturato la colpa di non aver potuto salvare i suoi uomini. Come non dargli torto per la rabbia che aveva in corpo? La scrittrice, con passo felpato, ci riporta al bandolo della storia, l’omicidio di alcuni uomini di età avanzata, che si ritrovano al pub per farsi una bevuta e una chiacchierata, alla ricerca di un po’ di compagnia nelle loro vite solitarie. Ma c’è sempre il rischio di incontrare le persone sbagliate e, forse, di non avere più la prontezza di spirito e di riflessi che porta a riconoscere il bene e il male. Si ritorna bambini, rimproverati dagli stessi figli che hanno ricevuto i loro insegnamenti, raccomandandoli di non aprire la porta agli sconosciuti e di non girare con la pensione in tasca..ma non c’è mai da stare tranquilli!
Il finale è davvero sorprendente..444 pagine di romanzo centellinate, ne è valsa la pena.
Questa la scheda del libro: L’ombra del camaleonte
La scrittrice:
Nata nel 1949 a Bishop’s Stortford, Minette Walters è una scrittrice inglese di gialli, il suo stile paragonato a quello di Agatha Christie, P.D. James ed Elisabeth George. Soprannominata la “Regina del thriller psicologico”.
Ha pubblicato numerosi romanzi, tradotti in oltre trenta Paesi.
Debutta come scrittrice nel 1992, con “The Ice House”, aggiudicandosi il premio John Creasey della Crime Writer’s Association, prestigioso riconoscimento dedicato alle opere prime.
Ha poi consolidato il suo successo con il premio Edgar Allan Poe e il Gold Dagger della Crime Writers’ Association.
Con la Walters si toccano varie problematiche attuali, dalla solitudine alla vecchiaia, dalla misantropia alla schizofrenia, famiglie disgregate e problematiche.

Questa la sua biografia tratta da wikipedia:
La morte ha freddo (The Ice House) (1992)
La scultrice (The Sculptress) (1993) Premio Edgar 1994.
Il segreto di Cedar House o Delitto a Cedar House (The Scold’s Bridle) (1994) Premio Gold Dagger 1994.
La stanza al buio (The Dark Room) (1995)
The Echo (1997)
The Breaker (1998)
Un’esca per l’assassino (Burning Point) (1999), riedito come (The Tinder Box) (2004) (romanzo breve)
Il corpo del nemico (The Shape of Snakes) (2000)
Acid Row (2001)
Caccia alla volpe (Fox Evil) (2002) Premio Gold Dagger 2003.
Prove sepolte (Disordered Minds) (2003)
La piuma del diavolo (The Devil’s Feather) (2005)
Chickenfeed (2006) (romanzo breve)
The Chameleon’s Shadow (2007)

Di questi, Longanesi ha pubblicato:
LA PIUMA DEL DIAVOLO
UN’ESCA PER L’ASSASSINO
PROVE SEPOLTE
CACCIA ALLA VOLPE
LA STANZA AL BUIO
IL SEGRETO DI CEDAR HOUSE
IL CORPO DEL NEMICO

sito: http://www.minettewalters.co.uk/

Se vuoi... commenta