Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | July 24, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Andrea Novelli Gianpaolo Zarini: Il paziente zero

| On 31, Mag 2011

Il Paziente ZeroIl libro:
Editore Marsilio / Collana farfalle Marsilio “i gialli”
Anno 2011
448 pagine – brossura

E’ in libreria il nuovo romanzo di Andrea Novelli e Gianpaolo Zarini che, dopo essere usciti, sempre per Marsilio, con Soluzione finale nel 2005 e Per esclusione (rieditato nel febbraio/marzo 2011 per il Giallo Mondadori) nel 2008, si accingono a questa nuova opera, sempre con la bravura che li contraddistingue.

La trama:
Carcharodon carcharias, vale a dire squalo bianco. Vale a dire: “Non trovatevi vicino ai suoi denti, perchè sarà difficile che sopravviviate al suo morso!”.
Chissà a cosa pensava Christophe Douvier, mentre veniva azzannato al fianco da uno di questi predatori, durante la pratica di surf in una di quelle località dove le onde infrangono la riva schiumando..Durban, in Sudafrica. Ma forse gli importava ben poco. Gli avevano detto che mancava poco alla sua morte, dopo che gli avevano diagnosticato un tumore ai polmoni e alla successiva decisione, oltremodo drastica, di non farsi massacrare dalle terapie.Avrebbe ritirato l’ultima consegna di diamanti dalle miniere del Botswana per conto della multinazionale De Weld e, questa volta, avrebbe fatto sparire l’intera partita, assicurando così un futuro tranquillo a sua sorella Isabeau, attendendo la fine.
Gli scrittori ci portano ad affrontare il tema della malattia, come se all’interno del racconto fosse un argomento secondario, ma che scava nella paura di ritrovarsi, come Christophe Douvier, ad affrontare un problema così grande da soli. Lo trovava solo una voce fastidiosa, inutile, subdola, come il suo male. Anch’esso era stato ingannatore. Era nato, cresciuto e continuato ad alimentarsi della sua esistenza, delle sue gioie, della sua emotività
La paura, oltretutto, di essere delle cavie da laboratorio per sperimentare nuovi farmaci e nuovi rimedi, come se i medici fossero degli stregoni che ci ballano intorno, in attesa che “lo spirito maligno” esca dal nostro corpo.
“Aveva fretta. Fretta di arrivare, fretta di vedere le tinte dell’alba spegnere l’incendio di una notte che avrebbe voluto dimenticare, scacciare come un incubo, ma che invece avrebbe marcato quello che gli restava da vivere”.
Mi sento particolarmente vicina a questa frase, molto toccante e precisa nella sua brutalità:
“Il paziente oncologico doveva poter percepire il proprio medico come alleato nella lotta contro la malattia, come sostenitore nell’affrontare la disperazione, il sentimento di impotenza e angoscia che solitamente accompagna una diagnosi di tumore.”

L’idea del libro nasce dalla notizia secondo la quale studi recenti avrebbero dimostrato che, la “squalamina”, un derivato dalla cartilagine di squalo, contenga proprietà tali da avere efficacia su alcuni tipi di tumore. Si continua a studiarne gli effetti, ma ogni notizia, si sa, deve essere attentamente vagliata..
Ma non si parla solo di questo. C’è tanta carne al fuoco ne “Il paziente zero”, a cominciare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, da feroci assassini che uccidono solo per il gusto di farlo e, non ultimo, il popolo di un’isola del Pacifico il cui coinvolgimento, arrivati ben oltre la metà del libro, avrà una spiegazione e si fonderà con gli altri elementi.
Intrighi e complotti, sparatorie e rapimenti, risvolti scientifici e quant’altro. Alla fine del romanzo ci si accascia stanchi e spossati, con l’idea di aver partecipato attivamente a tutta la storia.
Un thriller dai contorni forti, che forse avrei alleggerito in qualche passaggio, giusto per risparmiare un po’ di pagine, ma come accaduto per altri romanzi, bisogna solo avere la pazienza di aspettare e l’attesa sarà ricompensata dal finale.
Questa mia recensione vuole finire con alcune riflessioni che faccio con me stessa e con voi: quanti interessi girano intorno alla salute dei pazienti? Quanto ancora si potrebbe fare per la ricerca? Sicuri che si stia facendo tutto il possibile? E se all’improvviso non ci fossero più malattie? Certo, è solo un’utopia, ma..
La recensione è stata pubblicata anche sul sito di La Tela Nera.

Qui l’intervista che ho realizzato: Intervista e la recensione de Per esclusione

Gli scrittori:
Sono entrambi liguri, vivono a Savona. Il primo è ingegnere e l’altro è avvocato. I i loro racconti sono stati inclusi in numerose antologie, tra cui “Anime nere reloaded” curata da Alan D. Altieri e Bad Prisma curata da Danilo Arona.
Il loro sito è www.novellizarini.it

Se vuoi... commenta