Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | October 18, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Dan Wells – Io non sono un serial killer

| On 27, Feb 2012

Il libro:
Editore Fazi – Collana Le vele
Anno 2012
281 pagine – brossura con alette
Traduzione Marano G. Rossari M.

La trama:

John Wayne Cleaver, atipico adolescente dell’età di 15 anni, aiuta sua madre e sua zia Margareth a imbalsamare i cadaveri nell’obitorio di una piccola cittadina di provincia, Clayton. Un padre che sembra essersi volatilizzato nel nulla. Un ragazzo definito “sociopatico”, interessato morbosamente agli assassini seriali – tanto da farne una relazione per il corso di storia a scuola – e con la tendenza ad uccidere gli animali. Seguito da uno psicologo, crede sia importante imporsi alcune regole fondamentali: non fissarsi sulle persone, avere pensieri positivi, stare lontano dagli animali ed evitare le scene dei crimini. Tutto ciò sarebbe possibile, se proprio in quella tranquilla cittadina non fosse arrivato un pericoloso assassino, che riduce i corpi in modo atroce.. 
Recandomi lì, stavo scavando alle fondamenta di qualcosa di più grande e più profondo, aprendo minuscoli solchi in un muro in cui non osavo fare breccia. C’era un mostro dietro quel muro che avevo costruito apposta per tenerlo a bada; adesso si agitava e si stiracchiava inquieto, preda dei suoi sogni. C’era un nuovo mostro in città, a quanto pareva: la sua presenza avrebbe risvegliato quello che tenevo nascosto in me?” 

John Wayne Cleaver sostiene che “il destino” vuole che diventi un serial killer. Ha lo stesso nome di un attore del cinema, ma anche quello di un assassino: John Wayne Gacy. Gli piace guardare le persone, seguirle, spiarle. Ha bisogno di vedere una persona viva trasformarsi in cadavere. “Ho bisogno dell’obitorio, perché mi permette di entrare in rapporto con la morte, senza correre rischi.” 
Affascinato dalle storie dei serial killer, curioso dei modus operandi attuati per uccidere, è elettrizzato all’idea di poter assistere a un delitto. Ne è attratto così tanto, da esserne ossessionato. Questo suo atteggiamento lo porta ad essere isolato dai suoi compagni di classe, che lo guardano di traverso e spaventandosi a morte quando John si sofferma su particolari raccapriccianti dei cadaveri ritrovati a Clayton. Anche la madre è preoccupata dell’atteggiamento di suo figlio e comincia ad averne paura. Ma, come tutte le madri, cerca di dare una spiegazione razionale anche quando John le fa balenare davanti un coltello. 
Ma proprio questi aspetti di John lo aiuteranno a scoprire l’identità dell’assassino, a seguire le sue tracce, ma anche a portare alla luce il suo “mostro”. Quella parte sopita, in attesa di uscire e fare male. Quel demone sembra andare a braccetto con il serial killer che semina il terrore. Ma John vuole essere diverso, usando quella forza maligna che lo induce a uccidere, il lato oscuro che lo divora, per arrivare all’assassino. 
Le forze del bene e del male che, una volta tanto, non si contrappongono e, al contrario, agiscono all’unisono, per sconfiggere un male maggiore. 
Dopo aver superato circa metà del libro, sono arrivata a pensare che definire il romanzo un vero e proprio thriller sarebbe limitativo, ma la mia percezione è di un mélange di thriller, fantasy e horror, che lo rendono adatto alle categorie più disparate di lettori. Ci metterei anche del pulp, per condire il tutto. 
Dan Wells ha dunque la capacità, attraverso uno stile dinamico e grottescamente ironico della scrittura, di riuscire a farmi riprendere la lettura con la stessa enfasi dell’incipit, arrivando ad un finale incredibile. 
Ciò che si percepisce tra le righe, è la volontà di stupire il lettore, presentando gli aspetti più disparati del male che ci circonda, da quello visibile a quello invisibile e quanto la mente umana possa vivere continui contrasti che portano ad un unico, vero, grande interrogativo: è davvero così netta la linea che divide il bene dal male?
Se volete dare un’occhiata al sito della casa editrice, avrete la possibilità di leggere un estratto del libroEstratto
Lo scrittore:
Dan Wells è nato nel 1977 e vive nella città di Orem, Utah. Non sono un serial killer è il suo romanzo d’esordio, che ha spopolato negli Stati Uniti tra i fans di “Dexter“, e fa parte di una trilogia dedicata proprio a questo ragazzino, John Wayne Cleaver. Gli altri titoli, sempre in uscita per Fazi Editore, sono “Mr Monster” e “I don’t want to kill you”. 

Se vuoi... commenta