Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | June 27, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Gianni Simoni – Il filosofo di Via del Bollo

| On 03, Feb 2013

Casa Editrice Tea
Anno 2013
277 pagine – rilegato con sovracopertina
9788850229833_il_filosofo_di_via_del_bollo_3da (1)Gianni Simoni, ex magistrato, ha condotto quale giudice istruttore indagini in materia di criminalità organizzata, di eversione nera e di terrorismo. Presso la Procura generale milanese ha sostenuto l’accusa nel processo d’appello per l’omicidio Ambrosoli e ha condotto l’inchiesta giudiziaria sulla morte di Michele Sindona nel carcere di Voghera.
Presso Garzanti ha pubblicato Il caffè di Sindona, in collaborazione con Giuliano Turone.
TEA pubblica le sue due serie gialle (entrambe aperte): la prima è ambientata a Brescia e ha per protagonisti l’ex giudice Petri e il commissario Miceli. Sono usciti finora sei titoli Un mattino d’ottobre, Commissario domani ucciderò Labruna, Lo specchio del barbiere, La morte al cancello, Pesca con la mosca, Il ferro da stiro.
Andrea Lucchesi è il nuovo personaggio per Gianni Simoni, che inaugura con Piazza San Sepolcro ambientazione diversa da Brescia – sua città d’origine – a Milano – sua città d’adozione. Un ispettore di colore che combatte ogni giorno in una città fredda di clima e di carattere, piena di contraddizioni e che non fa distinzione tra un vu’ cumprà e un poliziotto, “tanto è un negro”, diffidente anche dopo che l’ispettore mostra il tesserino di riconoscimento. Essendo un istintivo, dal carattere poco malleabile e poco disposto all’accondiscendenza, fa fatica ad ambientarsi in un ambiente che considera ostile.
Il filosofo di via del Bollo è il secondo episodio di questa serie e questa è la trama:
È cambiato Andrea Lucchesi. Ha sfiorato la morte e, se questa volta ha vinto lui, il prezzo che ha dovuto pagare è alto: adesso ha paura. Paura di ogni sigaretta che accende, di ogni bicchiere che si concede, ma soprattutto paura di essere, di restare solo. Forse è per questo che un giorno, uscendo dalla Questura milanese di piazza San Sepolcro, Lucchesi si accorge di quell’uomo, che, all’angolo di via del Bollo, dispensa saggezza ai passanti, a chi ha tempo per fermarsi ad ascoltare un vecchio, un filosofo. Lucchesi ha tempo, adesso, per ascoltare, per capire.
Sì, è cambiato l’ispettore Lucchesi. Ma non è il solo. Se l’indagine su una serie di furti d’arte in cui si troverà coinvolto appena rientrato in azione è fin troppo vicina a quella risolta pochi mesi addietro, in realtà nulla è come prima. Le persone che ha incontrato allora sembrano divertirsi a sovvertire ogni aspettativa: la contessa Urbinati, il commissario Pepe, i collezionisti d’arte, la collega Marchesi… Nulla e nessuno è come sembra, per Andrea Lucchesi, che per risolvere questo caso dovrà esser disposto a svelare e accettare verità amare sulle persone all’apparenza a lui più vicine. Verità che cambieranno la sua vita per sempre.
In libreria dal 24 gennaio 2012!

Se vuoi... commenta