Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 17, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Jorge Molist – I libri della tempesta

| On 01, Feb 2013

Jorge Molist si è laureato in ingegneria industriale e ha conseguito un master in direzione d’impresa. Ha lavorato per grandi multinazionali, dove ha ricoperto ruoli di responsabilità anche fuori dalla Spagna, negli Stati Uniti e in diversi Paesi europei. Nel 2000 pubblica Los muros de Jericó, seguito nel 2003 da Presagio, accolti con entusiasmo dal pubblico e dalla critica. Un successo riconfermato da El anillo nel 2004 e da La reina oculta nel 2007, vincitore del Premio Alfonso X per il romanzo storico. Dal 2008 si dedica professionalmente alla scrittura.
A gennaio è uscito per Longanesi il suo romanzo, che racconta così la trama:
Sulle tracce dei presunti pirati che hanno ucciso suo padre e rapito le donne della sua famiglia, Juan in un porto ha una colluttazione con un marinaio in cui riconosce l’assassino di suo padre e lo uccide. La punizione per quest’omicidio saranno due anni di schiavitù sulla Santa Eulalia, una nave diretta in Italia per difendere i territori spagnoli dai pirati e dai francesi angioini intenzionati a invadere il Meridione. Sulla nave, grazie alla sua esperienza di artificiere, Juan riesce a migliorare la sua condizione, accattivandosi le simpatie degli ufficiali. In questo modo quando la Santa Eulalia sbarca a Napoli, il ragazzo ha una certa libertà di muoversi alla ricerca di Anna, la ragazza che ama e che non ha mai dimenticato. Ma Anna ormai è sposata e il loro incontro clandestino finisce nel sangue: Juan infatti uccide il marito di Anna durante un duello. Respinto dalla ragazza, Juan fugge a Roma, dove può godere dell’appoggio dei Borgia e dove finalmente potrà aprire la libreria che ha sempre desiderato e conoscere e stringere amicizia con Niccolò Machiavelli. Ma la strada verso la promessa che ha fatto a suo padre in punto di morte, promettimi che sarai libero, è ancora lunga e irta di pericoli…

Se vuoi... commenta