Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 17, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Rocco BallacchinoTrappola a Porta Nuova

| On 16, Feb 2013

La biografia di Rocco Ballacchino è davvero lunga e, se avete voglia di andare a curiosare, questo è il suo sito: Rocco Ballacchino. Volete un’anticipazione? Eccola:

“Sono nato a Torino nel luglio del 1972.

Mi sono laureato in Scienze della comunicazione con una tesi in Semiologia del cinema sul personaggio di Totò nell’Italia del dopoguerra.
Il cinema, la scrittura e il teatro sono da sempre le mie più grandi passioni.
Tra il 2001 e il 2002 alcuni miei racconti (Internet permettendo, La sfida dei drammi e Appuntamento con la signora) sono stati citati o pubblicati sulla rivista per giovani scrittori Inchiostro.
Nel 2008 la rivista Confidenze ha pubblicato, da un mio soggetto, il racconto Tu credi nei miracoli? 
Sempre nel 2008 ho collaborato con altri quattordici autori alla scrittura del romanzo giallo dal titoloGiallo aperto e pubblicato sul sito di editoria on line www.lulu.com.
Crisantemi a ferragosto, edito dalla casa editrice Il Punto Piemonte in bancarella, è il mio romanzo giallo d’esordio.” (..)
Frilli Editori pubblica il romanzo “Trappola a Porta Nuova”, un noir ai tempi di facebook. La trama è la seguente:
Daniele Bagli, un impiegato dalla piatta quotidianità, vorrebbe vivere un “giorno perfetto” incontrando una misteriosa ragazza, conosciuta su Facebook, di cui non ha mai visto nemmeno una foto. Affascinato però dalle sue parole è rimasto impigliato in quella rete virtuale che sta per assumere le fattezze della realtà. La stazione di Porta Nuova dovrebbe ospitare il loro primo appuntamento ma Bambi, è quello il suo pseudonimo, non scenderà mai da quel treno in arrivo sul binario 13. Quando poi il protagonista scoprirà il tragico destino di quella donna inizierà a confrontarsi con i suoi assillanti sensi di colpa e con la sensazione, che si tramuterà poi in certezza, di essere vittima di una impietosa trappola che prevede la sua incriminazione per quel delitto. In una torrida Torino, emotivamente sconvolta da quell’evento, inizierà infatti una caccia all’uomo in cui Daniele, braccato dalle forze dell’ordine, si muoverà alla ricerca di una spiegazione, di una possibilità di salvezza ma, soprattutto, di un nemico verso cui indirizzare tutta la propria rabbia.
Rocco Ballacchino mette in scena una paura che, come spesso accade nei noir, molti non avevano o forse non sospettavano di avere…

Che dite, vi ho incuriositi?

Se vuoi... commenta