Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | August 23, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Donato Carrisi – L’ipotesi del male

| On 25, Apr 2013

Donato Carrisi è nato nel 1973. Si è laureato in Giurisprudenza con una tesi su Luigi Chiatti, il “Mostro di Foligno”, per poi seguire i corsi di specializzazione in criminologia e scienza del comportamento. Nel 1999 ha iniziato l’attività di sceneggiatore per cinema e televisione. Fra le altre, ha scritto la sceneggiatura di “Nassirya – Prima della fine” per Canale 5 ed è autore di soggetto e sceneggiatura della miniserie thriller “Era mio fratello” per Raiuno. Vive a Roma.
E’ l’autore italiano di thriller più venduto nel mondo e i diritti di traduzione dei suoi libri sono stati venduti in 23 paesi, dal Brasile alla Cina, dall’Inghilterra agli Stati Uniti d’America.
Donato Carrisi è passato da questo blog; e lo ha fatto con la simpatia e la bravura che da sempre lo contraddistinguono!
Ho recensito Il tribunale delle anime e realizzato un’Intervista , oltre ad averlo incontrato varie volte in casa editrice (Longanesi). Mi fa piacere quindi annunciare il suo prossimo romanzo, in libreria dal 29 aprile 2013, per il quale vi lascio “soffriggere” un po’, mentre potrete godervi
il booktrailer:

Ed ecco la trama:
C’è una sensazione che tutti, prima o poi, abbiamo provato nella nostra vita: il desiderio di scomparire. Di fuggire da tutto. Di lasciarci ogni cosa alle spalle. 

Ma c’è qualcuno per cui questa non è una sensazione passeggera. C’è qualcuno che diventa prigioniero di questa sensazione, che diventa poi un’ossessione, e che ne viene divorato, inghiottito. 
Queste persone spariscono davvero. Spariscono nel buio. Nessuno sa perché. Nessuno sa che fine fanno. 
E quasi tutti presto se ne dimenticano. 
Ma se d’improvviso queste persone scomparse… tornassero? E non solo: se tornassero non per riprendere la propria vita, non per riallacciare contatti perduti, non per riannodare i fili di un’esistenza spezzata… Ma tornassero per uccidere? Mila Vasquez ha i segni del buio sulla propria pelle, le ferite che il buio le ha inferto hanno segnato per sempre la sua anima. 
Forse per questo, è la migliore in quello che fa. E quello che fa è dare la caccia a quelli che tutti hanno dimenticato: gli scomparsi. 
E quando gli scomparsi tornano dal buio per uccidere, Mila capisce che per fermare il male deve dargli una forma, deve attribuirgli un senso, deve formulare un’ipotesi convincente, solida, razionale… Un’ipotesi del male. 
Ma sa anche che è solo quello: un’ipotesi. E che per verificarla non c’è che una soluzione: consegnarsi al buio.
Visita il sito di Donato

www.donatocarrisi.it

Se vuoi... commenta