Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 14, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Giorgio Ballario – Le nebbie di Massaua

| On 03, Apr 2013

Giorgio Ballario è nato a Torino nel 1964. Giornalista, ha lavorato per l’agenzia di stampa Agi, è stato corrispondente per svariati quotidiani nazionali (Il Messaggero, Il Giorno,L’Indipendente) e redattore del settimanale Il Borghese. Dal 1999 lavora a La Stampa, dove si è occupato di cronaca nera e giudiziaria.
Nel giugno del 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo, Morire è un attimo (Edizioni Angolo Manzoni) che ha ottenuto un lusinghiero successo di critica e pubblico ed è stato ristampato a dicembre dello stesso anno. Morire è un attimo ha anche partecipato ad alcuni premi letterari del genere giallo-noir (Premio Scerbanenco, Premio Azzeccagarbugli, Premio Acqui Storia sezione romanzo storico). Nel settembre 2010 ha vinto il Premio Archè Anguillara Sabazia Città d’Arte per la narrativa edita.

Il 15 aprile 2013 esce “Le nebbie di Massaua”, edizioni Hobby & Work, suo nuovo romanzo del “ciclo coloniale” del maggiore Morosini nell’Africa italiana degli Anni Trenta. Con il volume in arrivo salgono a così quattro le indagini “africane” del maggiore dei carabinieri, personaggio ormai consolidato nella galleria degli investigatori italiani.


Ecco qui un’anticipazione:

“Luglio 1936, l’Abissinia è ormai conquistata e Mussolini ha proclamato l’impero. In una Massaua crocevia di militari e civili avviati verso il sogno della nuova Africa Orientale Italiana, il maggiore dei carabinieri Aldo Morosini si scopre all’improvviso vulnerabile: ha contratto la malaria ed è ricoverato in ospedale. Cercando di sconfiggere la malattia, l’investigatore deve anche coordinare a distanza le indagini su una misteriosa morte avvenuta in una villa isolata. Ermanno Cacciavillani, un ingegnere minerario che viveva da eremita, è stato trovato impiccato: delitto o suicidio? Che cosa nascondono gli oscuri dipinti contrabbandati dalla vittima nello Yemen? E quali segreti custodisce la città di Harar, “isola” musulmana nell’ex impero cristiano del Negus? Sia pure indebolito dalla malattia e con il solo aiuto dei suoi fedeli collaboratori, il maresciallo Eusebio Barbagallo e lo scium-basci Tesfaghì, Morosini, dopo innumerevoli sforzi e colpi di scena, riuscirà infine a dissipare le “nebbie” che celano i veri motivi della morte dell’ingegnere. Quarta indagine del fortunato personaggio creato da Giorgio Ballario , “Le nebbie di Massaua” è un suggestivo viaggio dentro l’effimero universo coloniale italiano, colmo di personaggi, notazioni, umori, climi ed atmosfere dell’epoca; un autentico “mondo perduto” ricostruito in tutti i suoi aspetti più concreti e reali, che l’autore riesce magistralmente a incrociare con una trama gialla che, per intelligenza e sottigliezza, merita di competere con i migliori Maigret di Georges Simenon”.

Se vuoi... commenta