Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 12, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Rosario Palazzolo – Cattiverìa

| On 30, Mag 2013

Editore Perdisa Pop
Anno 2013
320 pagine – ebook

 

images(..)il fatto è che le parole le ho sempre sapute, troppo dialette, e anche se qua mi sforzerò di farle con una lingua non tanto dialetta, nel mentre del racconto mi usciranno a piacere loro, perché io nella mia testa ignorante, penso che la lingua vale fino a un certo punto.
Avete presente quando fanno vedere in televisione dei gorghi in mare che risucchiano anche le navi più grosse? Ecco, questa è la sensazione che ho avuto quando ho cominciato a leggere il romanzo di Rosario Palazzolo: un gorgo da cui cerchi di uscire, ma hai comunque la curiosità di sapere cosa succederà “dopo”. E quel dopo continua per tutto il romanzo – il luogo forse un paesino del Sud dall’inflessione dialettale – un dialogo tra illetterati, sgrammaticati. Pare siano una madre, un figlio, un padre. Ma sarà poi così? Un uomo chiuso in una clinica psichiatrica, che racconta le proprie esperienze durante l’infanzia e l’adolescenza, le quali hanno minato la sua mente tanto da ridurlo a un essere senza futuro, ma con un passato tutto da ricostruire.
La madre pensa sia un indemoniato da legare al letto invocando un esorcista, ma c’è qualcosa di strano in quello che succede..
Perseguitato a scuola dai compagni – sia alle elementari che alle medie – troverà conforto dalla presenza di giustina (si, proprio scritto in minuscolo come compare sul romanzo), personaggio ambiguo, alla quale non sono riuscita a dare la giusta connotazione, ma avrà molto spazio di movimento all’interno del romanzo. Parto della mente dell’uomo o carne e ossa?
Un romanzo tutto in apnea, con monologhi lunghi e deliranti. Un esperimento curioso e nel contempo assolutamente originale nello sviluppo della trama.
Ho concluso con un sorriso, perché è una storia talmente assurda che ancora oggi mi chiedo: ma chi è chi? Ma sono sicura di aver capito bene la trama?
E perché Cattiverìa ha l’accento sulla i?
Romanzo particolare..

Lo scrittore:
Rosario Palazzolo è nato a Palermo nel 1972. Drammaturgo, scrittore, regista e attore, per il teatro ha scritto e diretto: Ciò che accadde all’improvviso, I tempi stanno per cambiare (con Luigi Bernardi), i tre spettacoli che compongono la Trilugia dell’impossibilità: Ouminicch’, ’A Cirimonia, Manichìni e il Dittico Del Disincanto (Visita guidata e Tauromachia). Vincitore del Fringe al 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano, i suoi spettacoli sono stati rappresentati nei maggiori teatri di ricerca nazionali e di recente al suo lavoro sono stati dedicati studi monografici e tesi di laurea. Per la narrativa ha scritto: L’ammazzatore (Perdisa Pop, 2007) e Concetto al buio (Perdisa Pop, 2010).

Se vuoi... commenta