Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 11, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Jean-Luc Bannalec Natura morta in riva al mare

| On 27, Giu 2013

Dietro lo pseudonimo di Jean-Luc Bannalec si nasconde uno scrittore che vive tra la Germania e il Finistère meridionale.
E curiosando sul sito di Piemme, sono stata attirata dalla copertina del romanzo in uscita a giugno 2013 e ho deciso di segnalarlo, perché mi ricorda il noir classico, più tradizionale e proprio per questo ormai in disuso nella letteratura degli ultimi decenni..
Chissà che il personaggio del romanzo, il commissario Dupin, non possa essere il preludio di una serie di storie!
Questa la sinossi:
C’è una cosa che il commissario Dupin detesta più di ogni altra: essere disturbato mentre beve il caffè. Da qualche tempo – cioè da quando è stato trasferito dalla capitale in Bretagna, in seguito a “certe controversie” – associa quel rito mattutino alla lettura dei quotidiani locali: fonti preziose per studiare l’animo bretone e i costumi insoliti di quella gente ai confini del mondo (e della civiltà, per i suoi standard di parigino fino al midollo). Ma è proprio mentre si gode una generosa dose di caffeina che il più zelante dei suoi ispettori lo disturba per comunicargli una notizia che ha dell’inaudito: un omicidio a Pont-Aven, il pittoresco borgo di pescatori che sta per riempirsi di villeggianti in quell’estate insolitamente calda. E la vittima è nientemeno che Pierre-Louis Pennec, novantunenne proprietario del mitico Hotel Central, segnalato su tutte le guide come luogo di soggiorno di celebri artisti, tra cui Paul Gauguin. Il commissario Dupin dovrà districarsi tra le pressioni delle autorità locali, che temono di veder compromessa la stagione turistica, e l’ostinato silenzio degli autoctoni, seguendo una pista che sembra condurre proprio a una tela del famoso pittore.
Buona lettura!

Se vuoi... commenta