Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | June 26, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Massimo Milone – Milano corri e muori

| On 05, Ago 2013

Editore Happy Hour edizioni
Anno 2013
176 pagine – brossura
Copertina realizzata da Stefanino Benni 

copertina_corri-muori-ombraSeconda inchiesta per l’8° Distretto al Gallaratese composto dalla squadra di Sasà Van Dir, Remo Barocci, Laganakis e Fossati, alle prese con un omicidio di una manager americana, avvenuto al Parco Sempione di Milano. La donna si chiamava Francesca Nava e faceva jogging al parco, quando si è accasciata fra le braccia del commissario Barocci, intento a far sparire i “maniglioni antipanico” cresciuti attorno al suo girovita. Convinto che fosse stata colta da un malore, si accorge invece del sangue che fuoriesce da sotto la scapola, causato dal foro di un proiettile.
Nel contempo, i colleghi Castoldi e Fumagalli cercano di stanare uno stalker, che non accetta di essere stato lasciato dalla sua donna e continua a perseguitarla.

Un romanzo d’attualità, che sottolinea i grandi malesseri che vivono ancora oggi le donne, vittime di un retaggio culturale atavico che le vuole ancora sottomesse, in una società nella quale si trovano a combattere per un solo, semplice scopo: la libertà.
Duplice inchiesta per l’8° distretto, dopo Delitto alla montagnetta e le vittime sono entrambe donne: per una l’epilogo è stato tragico e coinvolge persone benestanti, un brutto caso da risolvere che sarà piacevole come pedalare su uno sterrato con una bici senza sellino. Van Dir e Barocci si dovranno addentrare in un ambiente nel quale appariranno come cani in chiesa, fra auto di lusso e magliette firmate, luci e lustrini che celano disagi molto profondi, in cui il senso della famiglia prevarrà per salvare le apparenze.
Per l’altra donna, un monito a diffidare degli uomini possessivi, che trattano l’essere femminile come proprietà privata. Far emergere il problema e sensibilizzare le autorità, alle volte serve..
Divertente la caratterizzazione dei due personaggi, Sasà – padre olandese e madre napoletana – e Remo – romano doc – che si alterneranno nello sciorinare frasi partenopee e romanesche, strappando qualche sorriso che alleggerisce la storia.
Buoni anche gli altri personaggi, i quali emergono maggiormente rispetto al primo romanzo.
Sempre un po’ debole l’editing, che risparmia sulle punteggiature.
E..correre non nuoce gravemente alla salute!
Lo scrittore:

Massimo Milone vive e lavora a Milano. Con Happy Hour edizioni ha pubblicato Un mondo difficile e Per una bionda, firmato con lo pseudonimo Max Aniello.
Conosciuto in occasione dell’evento Lomellina in giallo a settembre 2012, ho avuto modo di leggere il romanzo Delitto alla montagnetta, edito da Happy Hour Edizioni, la prima di una serie di inchieste della squadra dell’8° Distretto.

Se vuoi... commenta