Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 20, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Remo Guerrini – L’estate nera

| On 02, Dic 2013

Editore Newton & Compton
Anno 2013
430 pagine – rilegato

copUna grande scoperta. Da vecchia lettrice di gialli Mondadori, Segretissimi, ecc., il nome di Remo Guerrini non mi era nuovo.
Non appena ho letto l’argomento di questa storia , ne sono rimasta colpita ed”intrigata”. Ed ho avuto un buon fiuto, perché questo romanzo mi è piaciuto moltissimo e mi ha colpita in modo particolare, rispetto ad altri. E’ senz’altro uno dei migliori gialli( nel suo genere) che abbia letto quest’anno.
Estate del ’62. Un paesino del Piemonte, Altavilla. Un gruppo di ragazzini – quasi in un gioco crudele- decide di uccidere Beniamino, il “barbone” del paese, lo strano del villaggio. Ognuno ha i suoi motivi, inconfessabili ed inconfessati.  La vita scorre come al solito, mentre il gruppetto studia il piano nei dettagli e si appresta a concretizzarlo.
Di colpo, la scena passa al 1992; vengono riesumati dal cimitero di Altavilla alcuni defunti, tra cui Beniamino che, sappiamo ora, era morto cadendo in un pozzo in quell’estate del ’62. Estate nera.
Il medico del paese scopre che Beniamino ha un buco nella fronte: qualcuno lo aveva ucciso, quindi, prima che cadesse nel pozzo!
Da qui, si ritorna a quella vecchia storia. Qualcuno aveva visto i preparativi,forse sapeva del piano. I cinque amici, ormai quarantenni, con vite diverse e ciascuno con i propri problemi, si ritrovano, convinti che uno di loro cinque abbia ucciso. E qui arresto il mio racconto.
La seconda parte della storia è un crescendo magistrale : le sorprese si avvicendano senza tregua. Cresce la tensione, e, di pari passo, l’angoscia; fino ad arrivare ad un finale tragico e mozzafiato, assolutamente inatteso.
Impareggiabile, da parte dell’autore, la descrizione della vita di paese negli anni ’60; essendo io vissuta in un paesino del Piemonte in quei tempi, “vedevo” i personaggi, le varie situazioni.
Incredibile , poi, il cambio di “tonalità” della storia , tra la prima e la seconda parte: quella che sembrava una tranquilla vicenda che di Noir aveva ben poco, si trasforma in un vero Giallo da brividi, e non a caso lo scrivo con la maiuscola!
Un romanzo, perciò, da non perdere, geniale ed assolutamente diverso!

Rosy

L’autore:
Remo Guerrini è nato a Genova nel 1948. E’ stato direttore di varie riviste; attualmente dirige il mensile “Meridiani”. E’ stato, con Andrea Santini, il primo italiano a pubblicare spy story su Segretissimo. E’ autore di numerosi romanzi, racconti gialli, thrillers e libri di fantascienza.

Se vuoi... commenta