Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | December 17, 2017

Torna su

Alto

2 Commenti

Brian Freeman – Polvere alla polvere e La ragazza di pietra

| On 24, Mar 2014

Brian Freeman è stato ospite su questo blog dove ha raccontato di quando creò il suo personaggio Jonathan Stride e delle caratteristiche che lo hanno reso famoso: non è un detective stereotipato e freddo, ma un vero essere umano, passionale nei confronti della gente intorno a lui,e che talvolta compie degli errori. Per questo si è fatto amare dai suoi lettori, proprio perché è umano, non un super eroe.
Lo scrittore è conosciuto in quarantasei paesi, dove i suoi romanzi sono divenuti popolari e tradotti in venti lingue.
Ha esordito con Immoral (Piemme, 2006), che ha vinto il Macavity Award come migliore opera prima. Con Il veleno del sangue (2013) ha vinto gli International Thriller Awards per il miglior romanzo dell’anno.

Ora Piemme lancia un doppio appuntamento e ci propone due uscite quasi in contemporanea e con protagonista Jonathan Stride in entrambi:

In libreria dal 25 marzo POLVERE ALLA POLVERE
Pagine: 182 Prezzo: 1,90 €
3789-SOVRA ok.indd

e
In libreria dall’8 aprile LA RAGAZZA DI PIETRA
Pagine: 406 Prezzo: 12,90 €

Questa la sinossi di Polvere alla polvere:
Ci sono verità che è meglio lasciare sepolte sotto una coltre di neve. È notte quando il detective Jonathan Stride arriva nel piccolo cimitero di campagna dove riposa sua madre, a Shawano, Wisconsin, un luogo dove non metteva piede da vent’anni. Nel buio, la sua torcia illumina la neve che cade piano, mentre una campana arrugginita suona nel vento. All’improvviso, i fari di un’auto della polizia fendono l’oscurità; un agente scende dall’auto, si avvicina a una lapide e si toglie la vita con un colpo alla tempia. Stride è un estraneo in quella piccola città e lo sceriffo non gradisce né la sua presenza né la sua curiosità. Eppure il detective non può dimenticare quanto è accaduto proprio davanti ai suoi occhi: vuole risposte, ed è disposto a trovarle da solo. Anche a costo di riaprire le pagine più oscure del passato di Shawano…

E questa de La Ragazza di pietra:
Cat ha sedici anni ma l’esperienza di una donna navigata. Ne aveva soltanto sei quando, nascosta dietro casa, ha udito distintamente le quarantuno coltellate che hanno massacrato sua madre e la pallottola che ha ucciso suo padre. Il trauma è stato troppo grande per non lasciare segni, e le persone cui è stata affidata inadeguate a tenerla lontana dalla droga e dalla strada. Adesso, nel cuore della notte, si introduce in casa del tenente Stride in cerca di aiuto: qualcuno sta cercando di ucciderla. A Stride basta uno sguardo per riconoscerla e una frazione di secondo per decidere di salvarla. Oltre ogni senso del dovere. Perché il tenente conosceva bene la madre di Cat: le aveva promesso di proteggerla, e aveva fallito. Forse, con questa nuova promessa, potrebbe finalmente riparare a quella mancata di dieci anni prima, e lenire il senso di colpa che da allora lo perseguita. Stride non sospetta nemmeno per un istante che, oltre ad avere paura per lei, dovrebbe avere paura di lei: delle sue menzogne, delle sue allucinazioni, del coltello che nasconde sotto il cuscino mentre dorme proprio in casa sua. E della scia di morte che la ragazza sembra portarsi appresso ovunque vada.

Cosa avete letto di lui? Se avete voglia di parlarne, questo è il posto giusto! E se volete visitare il sito di Brian, eccovi il link: http://www.bfreemanbooks.com/

Commenti

  1. Tra le prossime letture ho Il veleno del ragno, ancora non ho letto nulla di Freeman. Vedrò se prendere anche questi 🙂

    • 🙂 Dovrebbero arrivarmi..e tra poco salterò le notti per riuscire a leggere tutto! Brian lo intervistai più di un anno fa, è molto simpatico e disponibile.

Se vuoi... commenta