Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 20, 2017

Torna su

Alto

0 Commenti

Nele Neuhaus – Lupo cattivo

| On 17, Apr 2014

es Lupo cattivo_Layout 1Nele Neuhaus è nata in Germania nel 1967 e, prima di diventare scrittrice, ha studiato Giurisprudenza, Storia e Letteratura, e ha lavorato in un’agenzia di pubblicità. Biancaneve deve morire è stato, e continua a essere, un successo straordinario in Germania. Oliver von Bodenstein e Pia Kirchhoff, i due investigatori, sono diventati dei personaggi popolari e il romanzo si è conquistato larga parte dei lettori e del credito dei thriller di Stieg Larsson. L’autrice ha un sito internet ricco di informazioni: www.neleneuhaus.de.

Tradotto da Emanuela Cervini, intervistata tra l’altro su questo blog, Giano Editore pubblica il nuovo romanzo della scrittrice tedesca, che si svolge a Eddersheim, nei pressi di Francoforte, in cui le acque del Meno restituiscono il cadavere di una ragazza di circa sedici anni.
Dall’autopsia emerge che la giovane è stata oggetto di una feroce violenza: prima seviziata e poi annegata. Stranamente, però, non risulta alcuna denuncia di scomparsa. Chi è, allora, quella ragazza? E quale pista seguire per scoprire il «lupo cattivo»?
Inizia così un’altra indagine della strampalata coppia di agenti del Taunus: il saggio e riflessivo Oliver von Bodenstein e la scapestrata Pia Kirchhoff. Le settimane passano, ma i due non hanno ancora nessun indizio riguardo all’identità della vittima.
Mentre nell’ufficio 11 del comando regionale di Hofheim si comincia a respirare aria di sconfitta, un nuovo cadavere fa la sua comparsa: è la celebre conduttrice televisiva Hanna Herzmann. Anche lei è stata picchiata e violentata selvaggiamente. A differenza della ragazza ritrovata nel Meno, però, lei almeno è sopravvissuta e, anche se non può fornire alcuna informazione a causa delle gravi ferite riportate, racconta che stava lavorando a una storia esplosiva da mandare in onda nel suo programma.
Una storia di cui nessuno, eccetto lei, era al corrente. Possibile che durante le ricerche si fosse avvicinata troppo alle persone sbagliate?
Mettendo insieme i pochi elementi a disposizione, i due investigatori scavano sempre più a fondo e, di indizio in indizio, si addentrano nell’abisso di brutale malvagità che si nasconde sotto la facciata della società più perbenista. Fino al momento in cui le indagini si trasformano in qualcosa di molto personale e Pia non si vedrà costretta a dubitare persino del suo stesso capo.
Un nuovo tassello della saga degli investigatori Pia Kirchhoff e Oliver von Bodenstein che regala ai lettori una storia coinvolgente e spiazzante che si muove veloce tra ricatti, omicidi efferati e vendette personali, e che conferma ancora una volta il talento di una delle scrittrici più lette e apprezzate dal pubblico europeo.

Se vuoi... commenta