Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | October 19, 2017

Torna su

Alto

Brian Freeman – Polvere alla polvere

| On 01, Mag 2014

Editore Piemme Collana Narrativa
Genere Thriller
Anno 2014
194 pagine – brossura
Traduzione di Alfredo Colitto

3789-SOVRA ok.inddIniziativa proposta da Piemme Editore per dare spazio ad autori molto affermati all’estero e meno conosciuti in Italia, è arrivato – per la modica cifra di € 1,90 – il romanzo “Polvere alla polvere” di Brian Freeman, vincitore dell’International Thriller Award, scrittore pubblicato in quarantasei paesi e famoso per il suo personaggio Jonathan Stride, detective originario di Duluth, nel Minnesota.
Il romanzo è un prequel all’uscita del più corposo “La ragazza di pietra”, volume rilegato e con sovracopertina, dal costo maggiore ma che darà sicuramente visibilità ad uno scrittore che merita maggiore attenzione, così come dimostra lo stesso Brian Freeman nel socializzare con i suoi lettori italiani attraverso i social come Facebook e Twitter.
Ha cominciato ad ambientare i suoi primi romanzi nella cittadina di Duluth, dando voce al tenente di polizia Jonathan Stride, uomo di fuoco, onore, ego e ostinazione. Alto e magro, ha ormai i capelli brizzolati e le rughe profonde come canyon. Gli occhi scuri sentivano tutto il peso del mondo.
E proprio a Duluth si stava dirigendo il detective, per andare a trovare lo zio Richard Heling. Sembrava che l’auto andasse per conto proprio, quando prese la deviazione per Shawano, un villaggio del Midwest. Il cimitero era accanto alla chiesa di Jacobi, luogo in cui era stata sepolta sua madre. Fra le tombe, notò una tomba dissacrata con la scritta “Der Teufel”, il Diavolo.
Invisibile in mezzo agli alberi, un’auto della polizia si fermò e ne scese un poliziotto. L’uomo si puntò la pistola alla tempia e fece fuoco.
Impotente davanti alla scena, Jonathan non potè fare altro che constatarne il decesso. L’uomo si chiamava Percy Andrews. Anni prima aveva salvato una psicologa. La donna era stata rapita da uno dei suoi pazienti, il quale venne ucciso durante uno scontro a fuoco. Percy e la donna si innamorarono e divennero marito e moglie. Ma perché un poliziotto decide improvvisamente di togliersi la vita?
Jonathan è il primo a chiederselo e a voler partecipare all’indagine, ma si imbatte nello sceriffo Weik, che lo vuole fuori dalle indagini perché quella è la sua giurisdizione e Stride non aveva alcun titolo per mettersi a fare domande in giro.
Weik era il classico agente di provincia, un bullo dall’idea che il distintivo valesse come l’anello del Papa, dal corpo tarchiato come una salsiccia strizzato in una divisa.
Se qualcuno diventa un mostro a causa tua, questo rende un mostro anche te?
Questa è la domanda che si pone Brian Freeman attraverso la storia che ci racconta, nella quale le ombre del passato sembrano ritornare sotto forma di ricordi sopiti, rabbie represse, persecuzioni.
Jonathan Stride è un personaggio fuori dalle righe, un uomo tormentato dalla morte di sua moglie Cindy, un duro all’apparenza ma con molte fragilità. Sesto romanzo della serie dedicata al detective cominciato con Immoral (2006), lo scrittore non pensava di ottenere così tanto successo e ha così proseguito con Las Vegas Baby (2007) La danza delle falene (2008) Polvere e sangue (2009) Il respiro del ghiaccio (2011). Tutti pubblicati da Piemme Editore.
Vi è una particolare attenzione all’aspetto psicologico della storia e l’impronta stilistica che ne scaturisce è sicuramente di un thriller molto scorrevole.
Un autore da rivalutare da noi lettori italiani.


Lo scrittore:
È un autore bestseller di thriller venduti in 46 paesi e tradotti in 20 lingue. Ha esordito con Immoral, che ha vinto il Macavity Award come migliore opera prima; sono seguiti, sempre presso Piemme: Las Vegas Baby, La danza delle falene, Polvere e sangue e Il respiro del ghiaccio (finalista agli International Thriller Writers Awards). Tutti hanno per protagonista il tenente Jonathan Stride, che invece, ne Il dubbio, lascia il posto al detective Cab Bolton. Brian Freeman ama molto entrare in contatto con i suoi fan, via e-mail e su Facebook. In Italia è stato nominato miglior autore del 2009 dai blogger del sito Corpi Freddi. Vive in Minnesota con la moglie.