Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | February 21, 2018

Torna su

Alto

Pier Paolo Giannubilo – Lo sguardo impuro

| On 25, Giu 2014

Giannubilo_SguardoPier Paolo Giannubilo è nato nel 1971 e vive a Campobasso, dove da molti anni insegna in un liceo e fa il giornalista. Dopo un libro di poesia, uno di racconti e un saggio, nel 2008 ha pubblicato con Il Maestrale Corpi estranei, uno sconvolgente romanzo-verità accolto con grande favore da critica e lettori.

Proposto da Meridiano Zero, Collana I Taglienti, questa la sinossi:
Ottobre 2002. Mariano Cuter, ventottenne professore neoassunto, riceve dal suo collega e amico Pier una telefonata allarmante: nella sua scuola circola, in centinaia di riproduzioni, una fotografia sgranata che lo ritrae in un’esplicita scena erotica con due ragazzine.

La misteriosa foto-beffa sconvolge l’esistenza di Cuter, incendiato dal sospetto che si tratti di una cospirazione ai suoi danni in cui è coinvolto anche chi gli è più vicino.
Alla scrittura del presente, ai flashback e ai dialoghi interiori di Mariano fa da contrappunto la ricostruzione degli stessi fatti fornita da Pier ad alcuni anni di distanza, in un avvincente alternarsi di conferme, smentite e ribaltamenti di prospettiva, così che realtà e immaginazione prendono a fondersi in modo inestricabile, portando a galla grotteschi malintesi, conflitti esasperanti, irrisolti rancori personali.
Fantasmi familiari e paure ancestrali riemergono dal passato insieme all’ossessione da cui Mariano non si è mai emancipato. Ai due poli di questo tormento, il primo e unico amore di Cuter, Sula (sedicenne greca che ha bloccato la sua sessualità a un irripetibile momento di felicità adolescenziale), e Lorena, una delle due liceali protagoniste dello scatto. La perversa e anonima macchinazione ordita per screditarlo porterà Mariano a un’inevitabile discesa agli Inferi, resa ancor più drammatica dal terremoto che frattanto colpisce la sua città, trasformando la morte di ventisette bambini in un evento mediatico planetario.

Lo sguardo impuro è la cronistoria di una nemesi. Un’analisi impietosa del conflitto fra educazione cattolica e potenza del desiderio, delle meschinità all’interno del microcosmo scuola, dei piccoli e grandi segreti della provincia italiana, delle quotidiane menzogne e dei tradimenti praticati per sottrarsi al peso delle responsabilità.