Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | February 21, 2018

Torna su

Alto

Elena e Michela Martignoni – Segundo

| On 04, Ago 2014

coverTempo fa, nel salotto di Contorni di noir, vennero sono due sorelle, legate dalla passione per la scrittura, tanto da farla diventare un’attività a tempo pieno. Elena e Michela Martignoni hanno pubblicato tre thriller storici, il primo dei quali “Requiem per il giovane Borgia”, uscito in Italia presso TEA, approdato anche in Spagna. Il loro secondo romanzo Vortice di inganni, si è classificato secondo nel concorso letterario del Minturno, è uscito in Spagna nel 2007, in occasione del cinquecentenario della morte di Cesare Borgia, ed è stato uno tra i romanzi più venduti dell’anno.

Con lo pseudonimo Emilio Martini hanno iniziato una serie poliziesca di successo. Per chi non si accontentasse di queste notizie esiste il loro sito che regala ai visitatori alcune novelle inedite e scritti sarcastici: www.elenaemichelamartignoni.com
Di Autunno rosso porpora le autrici, insieme con il regista Paolo Olgiati, hanno scritto la sceneggiatura per una fiction televisiva.

Il romanzo, uscito nel 2010 con il titolo AUTUNNO ROSSO PORPORA edito da Corbaccio, e da Algaida Historica in lingua spagnola con il titolo OTONO ROJO PURPURA vive ora una nuova stagione in versione ebook, con un nuovo titolo e una cover disegnata da Daniele Serra.

In tutte le piattaforme digitali al prezzo di € 3,99 e pubblicato da Narcissus Editore, questa la sinossi:

Roma, autunno 1497.
Segundo è un assassino. Senza volto, senza pietà. Uccide perché bruciato dal fuoco di una vendetta che gli offusca la ragione.
Andrea Gianani invece, giovane appassionato d’arte, dal cuore sensibile, si sente incompreso dalla famiglia e tradito da chi credeva un amico.
Un tragico imprevisto incrocia i destini di questi due uomini così diversi.
I piani delle loro vite si frantumano, trascinando nella rovina affetti e sogni.
Al capo della polizia vaticana, Riccardo Fusco, spetta il compito di districare la vicenda. Anche lui però deve fare i conti con la coscienza, perché per far prevalere la Giustizia si trova costretto a costruire un castello di menzogne e violare le leggi contingenti.
Sullo sfondo, splendida, corrotta, spietata, la Roma dei Borgia.