Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | February 18, 2018

Torna su

Alto

Maurizio De Giovanni – In fondo al tuo cuore

| On 14, Ago 2014

Editore Einaudi / Collana Stile libero Big
Genere Thriller
Anno 2014
450 pagine – brossura con alette

978880620344GRAGrande, grande, grande De Giovanni.
Che ormai ha conquistato un posto ben saldo anche “ in fondo al mio, di cuore”! Ricordo quando terminai di leggere “Il posto di ognuno”, e stabilii che fosse il più bel romanzo scritto ,fino ad allora, da questo straordinario scrittore; beh, sbagliavo.
Questo ultimo è- se possibile- ancora migliore!
Romanzo giallo, ma non solo; di costume, ma non solo; di sentimenti: soprattutto di sentimenti.
Descritti con toni così poetici ed intensi, da togliermi il respiro e da costringermi a rileggere lo stesso brano più e più volte, per coglierne l’essenza profonda.
Nessuno come questo autore riesce, a parer mio , a raccontare storie di vita, dando loro la veste di ..poesia ( la stessa impressione – ed emozione- mi è accaduta solo con un romanzo di Grossman).

Quel modo unico di “raccontare” situazioni, ripetendo la stessa parola, cogliendo da più punti di vista uno stesso momento, uno stesso stato d’animo..mi cattura, tanto che quando arrivo a leggere uno di quei capitoli, mi ripeto:- Questo è da gustare come un cibo o un vino pregiato!

Un esempio?
Qui la nota ricorrente è la NOTTE

“ Notte di rabbia e di paura.
Notte che non ha luce, che non ha speranza.
Notte che sembra possedere le cose e i pensieri. Notte come un lago, che inghiotte la città e i suoi mille movimenti.
Notte che teme il respiro, notte senza amore.
Notte che cambia, che non lascia sorrisi.
Notte che non ha carezze”.

Maurizio De Giovanni, mi inchino di fronte a questa perfezione di stile e di poesia!
La trama è secondaria , secondo me, pur se accattivante.
Un noto luminare, ginecologo di fama, precipita dalla finestra della clinica dove lavora. Un uomo ricco, famoso, “arrivato”.
Quando il commissario Ricciardi ed il suo braccio destro Maione, dei quali dirò a parte , si rendono conto che è stato scaraventato di sotto- perciò nessun suicidio!- scoprono presto che più di una persona avrebbe avuto motivi validi per commettere quel delitto.
L’uomo a cui è morta di parto la giovane moglie, perché il medico era introvabile? La ( seconda) moglie, tradita con una prostituta di cui il medico era innamorato pazzo?
Il collega , a cui il ginecologo ha rovinato la vita scavalcandolo nel lavoro, ed impedendo al figlio di laurearsi?
Non mancheranno le sorprese, procedendo nella lettura; ma , di pari passo al giallo, ciò che cattura sono le vicende private dei personaggi.
La vecchia governante Rosa, unica donna nella vita del tormentato Ricciardi, sta morendo: è struggente tutta la parte che racconta questo lento distacco, con toni così accorati , da farmi piangere.
Le vicende con Enrica e Livia, le due donne che , in un certo senso, se lo contendono ( anche se nessuna è ancora arrivata al…traguardo!), sempre alterne e coinvolgenti.
La storia privata di Maione, che affronta un nuovo momento difficile, dopo la tragica morte del figlio Luca e il successivo allontanamento della moglie, ci fa “tifare” , affinchè anche stavolta le cose si appianino…
Tutto intorno, Napoli.
Una Napoli distrutta da un caldo torrido ed insopportabile- quasi una prova generale dell’inferno. Ma l’inferno talvolta può essere non solo nell’aria: anche dentro al cuore. Ed in questa vicenda, sta nel cuore di molti.
La bellezza del romanzo sta nello scoprire , mettendo insieme le tessere di un grande mosaico, tutti questi inferni grandi e piccoli.
Sta nel trovare, verso la fine, qualche spiraglio, qualche ( vaga) possibilità di avere ancora in serbo , se non la felicità, almeno momenti sereni.
Mentre il colpevole viene scoperto , il resto della storia non ha un finale,ma resta aperto. Alla speranza? A nuovi svolgimenti?
Io voglio crederlo fermamente.
De Giovanni, aspettiamo una nuova storia: non farci attendere troppo.

Rosy

Lo scrittore:
Maurizio de Giovanni nasce nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora. Nel 2005 vince un concorso per giallisti esordienti con un racconto incentrato sulla figura del commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Il personaggio gli ispira un ciclo di romanzi, pubblicati da Einaudi Stile Libero, che comprende Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Selezione Bancarella 2013) e In fondo al tuo cuore. Nel 2012 esce per Mondadori Il metodo del Coccodrillo (Premio Scerbanenco), dove fa la sua comparsa l’ispettore Lojacono, ora fra i protagonisti della serie dei Bastardi di Pizzofalcone, ambientata nella Napoli contemporanea; nel 2013 esce, sempre per Einaudi Stile Libero, il secondo romanzo della serie, Buio, e nel 2014 Giochi criminali (con Giancarlo De Cataldo, Diego De Silva e Carlo Lucarelli). Tutti i suoi libri sono tradotti o in corso di traduzione in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Russia, Danimarca e Stati Uniti. De Giovanni è anche autore di racconti a tema calcistico sulla squadra della sua città, della quale è visceralmente tifoso, e di opere teatrali.