Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | February 20, 2018

Torna su

Alto

Pier Paolo Giannubilo – Lo sguardo impuro

| On 07, Set 2014

Editore: Odoya/Meridiano Zero Collana I Taglienti
Genere noir
Anno 2014
288 pagine – Brossura con bandelle
Giannubilo_Sguardo
Un noir sui generis: sia per la trama, diversa , che per  il sistema narrativo, originale.

E’ infatti la storia  della discesa agli inferi di un professore di liceo , Mariano  Cuter, suo malgrado impegolato in una brutta vicenda, che gli rovinerà la vita.

Una mattina ,la scuola dove Mariano insegna è tappezzata di  fotografie in cui il professore  è colto in posizione altamente erotica con due alunne minorenni.  Si pensa ad un fotomontaggio , uno scherzo  di qualche alunno ripetente in vena di vendette, ma intanto la faccenda si allarga a macchia d’olio, suscitando reazioni disparate nei vari colleghi e conoscenti.

La situazione è aggravata dal confronto, scomodo e doloroso, col fratello di Mariano, un sacerdote morto  nel salvare dei chierichetti  che stavano annegando, ricordato perciò come una sorta di martire.

Scomodo, perché ciascuno si chiede come mai questo abisso fra i comportamenti dei due  fratelli.

Mariano si rende conto che non sarà facile discolparsi, né giustificare i suoi errori, ma ci prova: spedisce 41 e-mail ad un caro amico , trasferito negli Usa, Pier. In esse tenta di raccontare non solo ciò che è accaduto veramente, ma “perché” è arrivato a compiere determinati gesti.

Il romanzo è la raccolta di queste e-mail, che tracciano la storia dall’inizio. Esse ci danno una visione impietosa della vita di una cittadina di provincia  come tante ,e soprattutto del microcosmo “ scuola”, con le sue meschinità, le vendette, le invidie. Ambiente che l’autore conosce a perfezione, essendo lui stesso insegnante.

La città in cui è ambientato è Campobasso , tristemente famosa per il terremoto del 2002.

Proprio quel  terremoto è l’altro “protagonista” del romanzo, perché arriva  a sconvolgere le vite degli abitanti del Molise, mentre la tragedia privata di Mariano si consuma  di pari passo, come se fosse strettamente legata: una terra ferita a morte ed un uomo che per un errore si è distrutto la vita.

Alle e-mail di Mariano fanno da contrappunto degli intermezzi scritti da Pier, l’amico americano, in cui l’uomo racconta la sua versione dei fatti, quasi a giustificarne  i gesti e le scelte sbagliate.

E’ un romanzo duro, angoscioso; questa narrazione in forma autobiografica  è particolarmente d’effetto, e ci si identifica nei tormenti del protagonista.

Lo stile di scrittura è scarno, molto efficace, e non è facile , una volta iniziata  la lettura,  chiudere il libro.

Alla fine, non è molto importante se veramente Mariano abbia o no fatto sesso con l’alunna, né a quali estremi gesti questo lo abbia condotto; è intrigante tutto il contorno: le vicende, i personaggi, le menzogne, gli equivoci.

Un interessante ritratto di provincia in nero, mentre il terremoto sconvolge animi e paesi.

Consigliato? Sì.

Rosy


Lo scrittore:
Pier Paolo Giannubilo è nato nel 1971 e vive a Campobasso, dove da molti anni insegna in un liceo e fa il giornalista. Dopo un libro di poesia, uno di racconti e un saggio, nel 2008 ha pubblicato con Il Maestrale Corpi estranei, uno sconvolgente romanzo-verità accolto con grande favore da critica e lettori.