Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 19, 2017

Torna su

Alto

Enrico Ruggeri – La brutta estate

| On 05, Dic 2014

downloadHo seguito Enrico Ruggeri nelle sue canzoni e mi fa molto piacere apprendere che la sua bravura non si limita alla musica ma anche alla scrittura. E’ al suo quarto romanzo noir, dopo Piccoli mostri (Feltrinelli, 2000), Che giorno sarà (Kowalski, 2011), Non si può morire la notte di Natale (Baldini &Castoldi, 2012).
Ne ha scritti di più e li vedrete sul suo sito ufficiale www.enricoruggeri.info, ma questi sono quelli di cui va più fiero.

Questa volta pubblica con Mondadori, nella collana Strade blu, nelle librerie dall’11 novembre 2014 e questa la sinossi:

“Le giornate tremende o meravigliose, quelle che ti cambieranno la vita e lasceranno un segno indelebile, cominciano come tutte le altre.” Per questo, in un’assolata mattina di fine giugno, Marco Taviani, giornalista sportivo, non si aspetta di ricevere una chiamata che gli annuncia la visita di tre poliziotti. E ancora meno si aspetta che i poliziotti lo portino a casa di sua zia Elvira, la sua unica parente, una vecchia signora solitaria. Una vecchia signora solitaria che è stata appena assassinata. La scoperta segna un punto di non ritorno nell’esistenza di Marco. Con la scusa di dover mettere a posto la casa della zia e la speranza di fare luce sul suo omicidio, misterioso e brutale, Marco trova la forza di lasciare la moglie, abbandonando il matrimonio che, senza una vera ragione, da lungo tempo è entrato in crisi, nonostante il grande amore per la figlia. Così Marco si trasferisce nella casa della zia. Lì scopre che la vita dell’anziana parente nascondeva un grande segreto. E che non è l’unico dei segreti del palazzo in cui viveva. Nella splendida cornice della Milano estiva Enrico Ruggeri scrive un noir che è anche una meditazione sulle scelte che nella vita si rivelano determinanti quasi senza che ce ne accorgiamo, sotto traccia. Un romanzo venato di una sottile malinconia e di una profonda umanità…

Buona lettura!