Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | September 23, 2017

Torna su

Alto

Marcos Chicot – L’assassinio di Pitagora

| On 10, Gen 2015

Editore Salani
Genere Thriller
Anno 2014
720 pagine – ebook
Traduzione di Andrea Carlo Cappi

9788867157372_lassassinio_di_pitagora510 a.C.
Le vicende raccontate prendono forma e vita all’interno della comunità pitagorica a Crotone.

Pitagora, ormai anziano, deve nominare tra i suoi fedelissimi il suo successore, colui che proseguirà la sua grande opera di guida. Il filosofo e matematico deve valutare le caratteristiche degli uomini che rientrano nella sua strettissima cerchia per arrivare a prendere la decisione giusta.

Ma ci saranno avvenimenti delittuosi che bloccheranno questa scelta. A morire saranno proprio alcuni di questi uomini : Cleomenide, Daaruk, Oreste e Aristomaco. Il panico si diffonde nella comunità.

Il compito di sbrogliare la matassa sarà affidato ad Akenon, egiziano, uomo di acume intelligenza che sarà affiancato, nel seguire le orme dell’assassino, da Arianna, bellissima e geniale figlia di Pitagora. Questo lavoro di squadra porterà alla risoluzione del mistero ed alla conseguente scoperta del colpevole, ma regalerà anche una sfumatura di altro genere legata alla passione e all’amore.

“Bisogna cercare di fare di fare un passo avanti giorno per giorno. E, quando si retrocede, sforzarsi di recuperare il terreno perduto. Molti non vogliono e molti non possono. Io mostro il cammino e fungo da guida. Ma ciascuno poi deve fare da solo i propri passi” … “Mio padre insegna il percorso verso la giustizia e la gioia. Mostra cosa si deve fare – e come – per condurre una vita migliore prima e dopo la morte” … “Saggio no. Filosofo. E’ un termine inventato da mio padre: filosofo. Significa amante della sapienza, che si distingue dal semplice possessore della sapienza, il saggio. Filosofo è una definizione più dinamica e più umile. Implica una ricerca che non ha fine. Molto appropriata, in relazione alla conoscenza.” … “La volontà di mio padre è che gli uomini e i loro governi si comportino secondo certe regole che garantiscano la temperanza e la concordia. Il fine è incrementare lo sviluppo interiore e l’armonia universale.”

Va da sé che laddove ci sia qualcuno che tende al bene e al bello, ci sarà qualcun altro che intraprenderà una strada diametralmente opposta, una strada che tende al male e alle brutture.

Desidero di vendetta, smania di potere, cupidigia. Tutti elementi cercati e vissuti da chi nella storia raccontata ha il ruolo del nemico, di colui e di coloro hanno lo scopo di abbattere e cancellare la presenza di Pitagora. Non si fermeranno davanti a niente e nessuno pur di raggiungere tale obiettivo.

Le vicende, seppur si svolgano nel 510 a.C., le ho trovate di grandissima attualità, considerato che parliamo di comportamenti insiti nell’uomo e si ripropongono in ogni epoca della lunga storia di questo nostro tormentato mondo.

Ho fatto più difficoltà ad affrontare la prima parte del libro, più frammentaria rispetto alla seconda che ho letto molto velocemente. La prima parte mi ha fatto pensare ad un puzzle ancora nelle fasi iniziali quando i vari pezzi che si incominciano ad incastrare non danno ancora la visuale di quello che sarà il risultato finale. La seconda metà, al contrario, l’ho trovata invece più delineata proprio per l’effetto puzzle di cui accennavo poco prima.

Credo anche che un minor numero di pagine avrebbe giovato di più alla lettura.

I protagonisti che incontrerete man mano che la storia avanza sono numerosi. Ognuno con il suo ruolo, ben delineati, raccontati attraverso le proprie vicende personali e con una suddivisione anche precisa, o di quà o di là, nella parte dei buoni o nella parte dei cattivi, dentro la legalità o fuori.

Se amate gli intrighi, le passioni, le vendette, una certa sfumatura rosa che fa da contorno ed anche la matematica ( considerato che affronterete durante la lettura anche le applicazioni matematiche pitagoriche) posso confermare che è il libro che fa per voi.

Buona lettura!

Cecilia Dilorenzo


Lo scrittore:
Marcos Chicot è nato a Madrid, in Spagna, nel 1971. Si è laureato in Psicologia Clinica e del Lavoro, Economia e Psicologia. Ha scritto il suo primo romanzo – Oscar nel 1997. Nel 1998 ha scritto Journal of Gordon , con il quale avrebbe vinto la soglia Novel Prize Francisco. Due anni dopo ha scritto una giovane novella alla quale è stato riconosciuto il Premio letterario internazionale Rotary Club. E ‘stato finalista in premi racconto e romanzo come Max Aub, la città di Badajoz, Juan Pablo Forner e Premio Planeta.
Il suo romanzo L’assassinio di Pitagora : è stato l’ebook spagnolo più venduto al mondo nel 2013. Il romanzo successivo, per il quale è prevista la pubblicazione nel 2014, si intitolerà Fratellanza.
Il 10% di quello che si ottiene con i loro libri viene devoluto alle ONG per le persone con disabilità intellettiva (ed è profondamente grato a tutti i lettori per aver reso questo possibile).
È sposato dal 2007 e ha due figli.