Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | September 23, 2017

Torna su

Alto

Karin Slaughter – L’orlo del baratro

| On 05, Mar 2015

Editore TimeCrime Collana Narrativa
Genere Giallo
Anno 2015
448 pagine – ebook
Traduzione di F. Ressi


9788866881902Un romanzo incentrato su un’intera squadra di poliziotti, di quelli sempre in divisa che pattugliano in coppia i quartieri più malfamati della città, non può non far venire in mente Joseph Wambaugh, ma, a differenza dei poliziotti descritti dall’autore californiano, quelli di Karin Slaughter sono razzisti, sessisti, omofobi, ubriaconi, depravati, frustrati che non esitano ad alterare le prove pur di far condannare un sospetto di omicidio.
La Slaughter ambienta il suo romanzo nel 1974 ad Atlanta in Georgia, profondo sud degli Stati Uniti. Questo spiega, ma non giustifica, il comportamento di questi uomini di legge che dovrebbero tutelare tutti i cittadini. Nel corso dell’intera lettura si percepisce un’atmosfera pesante impregnata di razzismo, a malapena tenuto a freno. Come i toni bassi, con le loro vibrazioni che prendono lo stomaco, danno fastidio, cos
ì gli atteggiamenti dei poliziotti fan provare rabbia.
Questa sensazione
è dovuta alla bravura della scrittrice che è riuscita a far immedesimare il lettore nella storia da lei raccontata. Maggie Lawson non ha vita facile in quell’ambiente: ignorata dal fratello Jimmy, un eroe per tutto il dipartimento e picchiata da suo zio, il sergente Terry, che la considera una nullità, subisce ogni sorta di umiliazioni anche dagli altri colleghi.
Non pu
ò effettuare arresti importanti, questa prerogativa è riservata ai maschi, una mano morta di tanto in tanto ed è irrisa per le sue proposte. Ancora più dura è la vita per la recluta Kate Murphy, vedova di un veterano del Vietman: bella, raffinata, proveniente da una famiglia agiata, imbranata nell’indossare la divisa, con il cappello troppo grande e le scarpe non della sua misura: tutti scommettono che non riuscirà a superare il primo giorno.
Unite nell’autopattuglia, ma separate dal diverso retaggio culturale, Maggie e Kate, dapprima diffidenti, imparano a rispettarsi e ad apprezzare le rispettive qualit
à. Insieme a tutti i colleghi maschi stanno dando la caccia all’Esecutore, un serial killer che uccide coppie di poliziotti.
La caccia
è frenetica, le due agenti, pur escluse dalle indagini, continueranno con caparbietà ad investigare sul killer, rischiando il tutto per tutto Bagneranno il naso a tutti i loro colleghi scovando, con un classico colpa di scena, il colpevole.
Maggie e Kate acquisteranno fiducia in loro stesse, Maggie ritrover
à il fratello Jimmy mentre laltra imparerà ad indossare con orgoglio la divisa d’ordinanza procedendo alla vestizione di rito: Afferrò la cintura dal sedile del passeggero. Teneva i moschettoni di metallo nella tasca anteriore. Li agganciò alla propria cintura e poi alla cintura di ordinanza. Attaccò la ricetrasmittente dietro la schiena. Controllò le tasche: gomme, rossetto, taccuino, verbale, penne.
Controll
ò la cintura: torcia appesa al gancio, manette nella sacca, microfono attaccato alla spallina, spinotto nella trasmittente, portachiavi appeso allanello, manganello attaccato al gancio di metallo, fondina assicurata attorno alla cintura, cinghia di sicurezza della pistola chiusa.

Queste sì che sono donne!

Aurelio


La scrittrice:
Karin Slaughter è una scrittrice americana che ha pubblicato varie serie di romanzi, una dedicata a Grant County e un’altra a Will Trent. Ha venduto più di quaranta milioni di copie in tutto il mondo e per quattro volte è stata premiata con il prestigioso Crimezone Thriller Award.