Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 19, 2017

Torna su

Alto

Tess Gerritsen – Muori ancora

| On 22, Apr 2015

Editore Longanesi Collana La Gaja scienza
Anno 2015
Genere Thriller
333 pagine – rilegato con sovracopertina
Traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani

muori ancora 2015_grandeE brava Tess Gerritsen, che un’ennesima volta è riuscita a tenermi incollata alle pagine del suo romanzo fino all’ultimo! E non solo: mi ha lasciato un senso di mancanza. Perché mi sono gustata questo libro riga dopo riga, ed avrei potuto continuare a leggere ancora un bel po’.

Questa volta la nostra prolifica e fantasiosa autrice ci porta nientemeno che in Botswana.

Ma , per rendere la vicenda più avvincente, ha impostato la storia su due piani temporali, che si alternano. Così accade che una persona divori un capitolo, per iniziare il successivo, che racconta un’altra storia.  Naturalmente collegata, ma questo si capirà solo alla fine, anche se qualche sospetto in proposito  c’era!

Ma andiamo con ordine.  Tutto inizia con il ritrovamento di un noto imbalsamatore di animali ritrovato morto nella stessa maniera con cui tratta i suoi pazienti: appeso per i piedi ed eviscerato. Uno strano modo di uccidere: deve esserci per forza un motivo ben preciso.

Qui entrano in scena le due amiche –complementari nel lavoro, in un certo senso : Jane Rizzoli, poliziotta, e Maura Isles, anatomopatologa, la “regina dei Morti”, come è soprannominata.

La detective Jane , indagando, arriva a collegare questa singolare morte con altre, che presentano analogie, avvenute vicino e lontano, nel tempo e nello spazio.

Ma, e qui siamo sull’altro piano temporale, si narra anche di un safari in Botswana, effettuato da un gruppo di persone eterogenee, che hanno affrontato  questa avventura nella savana, senza prevedere un  tragico finale.

Infatti ad uno ad uno , con modalità diverse, i personaggi saranno eliminati o divorati dalle iene, o dal ghepardo, o uccisi a colpi di fucile, ma da chi non ci è dato di sapere.  Alla fine resta una sola superstite.

Questa è la parte più avvincente del romanzo: pare di vivere  l’angosciosa avventura; l’attesa spasmodica che qualcosa  di terribile accada. E accade! I rumori, i suoni  della savana di notte; le risate agghiaccianti delle iene, i fruscii misteriosi.

Solo nelle ultime pagine, e grazie alle intuizioni delle due donne unite nell’ indagine, si comprenderà il nesso fra le due parti, e tutti i tasselli andranno magicamente al loro posto.

Mi ha sempre affascinata l’amicizia fra queste due donne così diverse, nello stile di  vita, nella professione, negli affetti; una bella trovata da parte dell’autrice. Ma , soprattutto, ciò che non finisce mai di sorprendermi sono le svariate ambientazioni dei romanzi della Gerritsen: ogni volta parte una nuova avventura, ed il lettore è inesorabilmente avvinto alla lettura!

Un nuovo successo, quindi.

Appassionati  di Tess Gerritsen,  affrettatevi a procurarvelo…ne vale la pena!

Rosy Volta

La scrittrice:
Tess Gerritsen, nata Terry Tom, è una scrittrice statunitense di romanzi, famosa in particolare per i suoi medical thriller e per la serie poliziesca che vede protagoniste la detective Jane Rizzoli e il medico legale Maura Isles.