Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | February 24, 2018

Torna su

Alto

Paul Fischer – Una produzione Kim Jong-Il

| On 14, Ott 2015

71SjOOuQUrLPaul Fischer è un produttore cinematografico e scrittore. Nato in Arabia Saudita e cresciuto in Francia, ha studiato Scienze sociali all’Institut d’Études Politiques di Parigi e Cinema presso la University of Southern California e la New York Film Academy. Negli ultimi anni ha lavorato come produttore cinematografico indipendente a Londra. Il suo primo documentario Radioman ha vinto il Grand Jury Prize al festival DOC NYC. Una produzione Kim Jong-Il è il suo primo libro.

Nelle librerie dal 15 ottobre 2015 per Bompiani Editore, nella Collana Overlook e con la traduzione di Alberto Pezzotta, questa la sinossi:

Prima di diventare uno dei dittatori più famigerati del mondo, Kim Jong-Il fu a capo del ministero della propaganda della Corea del Nord.

Ideò, produsse e collaborò alla sceneggiatura di ogni film del paese, ma la sua frustrazione cresceva sempre più per quanto questi fossero poco riusciti rispetto ai suoi amati blockbuster hollywoodiani. Anche la fiorente industria cinematografica della nemica Corea del Sud era guardata con bruciante invidia. Per risollevare le sorti del cinema nazionale, escogitò un colpo perfetto: ordinare il rapimento di Choi Eun-Hee, celebre star della Corea del Sud, e del suo ex marito Shin Sang-Ok, uno dei più prestigiosi registi sudcoreani. La donna fu la prima a svanire nel nulla, e quando il regista cercò di investigare sulla sua sparizione, venne narcotizzato e si svegliò a bordo di una nave diretta in Corea del Nord.

Per guadagnarsi la fiducia di Kim Jong-Il, i due accetteranno di lavorare per la fabbrica dei sogni nazionali, girando film di propaganda, musical e pseudo-kolossal come Pulsagari, una specie di Godzilla, in chiave socialista.

Ma come riuscirono a scappare?

Pieno di suspense, Una produzione Kim Jong-Il racconta un’avventura incredibile che nessun film avrebbe saputo immaginare. E fa luce sui segreti criminali di un regime tanto assurdo quanto crudele, che da decenni tiene prigioniera un’intera popolazione.

 

Dopo il caso del film The Interview, un’altra incredibile storia vera dalla Corea del Nord.

“Un thriller avvincente dove tutto è realmente accaduto.” Kirkus Reviews

“Un tuffo in una guerra combattuta a suon di film.” The Washington Post

“Forse la storia più straordinaria dal paese più bizzarro del mondo. ” Paul French, autore di Mezzanotte a Pechino