Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | May 23, 2017

Torna su

Alto

Romano De Marco – Morte di luna

| On 09, Mag 2016

Editore Feltrinelli Collana Zoom Filtri
Anno 2015
Genere noir
Ebook


9788858853894_quartaQuesto romanzo breve si apre con una scena di sesso appassionato; siamo a Pescara e ne sono protagonisti, lo scopriremo più tardi, l’impiegato di banca “in carriera” e arrampicatore sociale Paolo Forti e Luna, una prostituta albanese che Paolo frequenta da anni. È l’ultima volta tra loro due: l’uomo dà l’addio alla escort, in quanto mancano due giorni al suo matrimonio con Agnese, figlia di un ricchissimo imprenditore nonché politico locale. Ma il loro addio è ancora più definitivo: Luna viene trovata morta poche ore più tardi, orrendamente assassinata; tutti gli indizi sembrano puntare su Paolo, che non può negare di essere stato con la donna né di avere toccato certe lettere minatorie che Luna aveva recentemente ricevuto, probabilmente da parte del suo ex sfruttatore, un trafficante di prostitute che vive a Milano.

Incarcerato in attesa di giudizio e con la vita a pezzi Paolo, che ormai tutti ritengono colpevole, riceve la visita di Agnese, che gli promette di cercare di sfruttare l’influenza del padre per scagionarlo in cambio della promessa di scomparire per sempre dalla sua vita. Intanto, Paolo ha tempo per riflettere. Sa di essere innocente, ma si rende conto che le prove sono schiaccianti.

Romano De Marco ci accompagna in un lungo viaggio nella mente di Paolo, un uomo piuttosto disgustoso per il quale però finiamo per avere almeno un po’ di pietà. Sappiamo che il suo comportamento è vergognoso nei confronti della ex futura moglie, ma ciò che subisce è mille volte peggio. Insomma, De Marco ci regala un eroe nostro malgrado, uno per il quale in fondo un po’ ci dispiace parteggiare. Ma l’unica alternativa a prendere le parti di Paolo sarebbe abbandonare il romanzo, che però è talmente avvincente che la scelta non si pone nemmeno.

Il protagonista, credibile e realistico, è costruito alla grande, con le sue idiosincrasie e le sue (almeno inizialmente odiose) aspirazioni, con la sua ingenuità e la sua cerchia di conoscenze, precedenti e successive all’incarcerazione.

Morte di Luna è un romanzo scorrevole e appassionante (l’ho letto tutto d’un fiato), sorprendente in ogni suo passaggio: non è solo la soluzione del mistero principale che non ci aspettiamo, ma sono numerosissime le sorprese, le reazioni imprevedibili (ma perfettamente umane) di questo o quel personaggio, le decisioni di Paolo, i ritorni di personaggi che parevano usciti definitivamente dalla trama.

Che dire… leggetelo. Il prezzo è molto basso, e sono certo che rimarrete soddisfatti dall’esperienza.

Marco Piva-Dittrich

Lo scrittore:
Romano De Marco, classe 1965, vive tra l’Abruzzo, Modena e Milano. Alterna l’attività di scrittore alla professione di responsabile safety per uno dei maggiori istituti di credito italiani. Ha esordito nel 2009 nella collana “Il Giallo Mondadori” con Ferro e fuoco (ripubblicato nel 2012 da Pendragon), seguito da Milano a mano armata (Foschi, 2011), premio Lomellina in giallo 2012, e da A casa del diavolo(Fanucci, 2012), finalista al premio Nebbia Gialla 2013.
Ha pubblicato racconti su “Linus”, “Il Corriere della sera” e numerose antologie. Con Feltrinelli ha pubblicato Io la troverò (2014; finalista al premio Nebbia Gialla 2014 e al premio Giorgio Scerbanenco – La Stampa 2014) e Città di polvere
(2015) della serie Nero a Milano.