Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | June 27, 2017

Torna su

Alto

Massimo Polidoro – Non guardare nell’abisso in blogtour

| On 28, Giu 2016

blogtourpolidoro


In occasione dell’uscita del suo nuovo thriller, Non guardare nell’abisso, Massimo Polidoro ha cominciato un blogtour in tredici tappe per accompagnare i lettori dietro le quinte della scrittura: ogni giorno, su un blog diverso, l’autore rivelerà una delle 13 “chiavi” imprescindibili che ogni scrittore di gialli, noir, thriller, deve padroneggiare per riuscire a scardinare le resistenze del lettore e condurlo ai vertici della tensione.
Seguite le 13 tappe del viaggio, sull’orlo dell’abisso…

Al termine del tour, chi avrà seguito almeno una di queste tappe riceverà gratis Sull’orlo dell’abisso, un volume inedito di Massimo Polidoro con le 13 regole del thriller perfetto.

Se desideri riceverlo clicca qui.

Tappa di oggi del blogtour del romanzo di Massimo Polidoro, dopo essere stato ospite dagli amici Il giallista, L’Officina del Libro, Thriller Pages e Recensionelibro.it, tocca al nostro blog con il quinto appuntamento chiamato:

Massimo Polidoro svela le regole del brivido: #5 – Il rischio di perdere ciò che hai più caro

Perché ci piacciono così tanto i thriller? E come fa uno scrittore a tenere i suoi lettori sulla corda?

Forse non esiste la “formula magica” per il thriller perfetto, ma esistono precise tecniche e stratagemmi a disposizione di ogni scrittore che gli permettono di giocare con le emozioni del lettore.

Che cosa si intende con il rischio di perdere ciò che ci è più caro? È la paura di trovarsi in situazioni dove potremmo perdere qualcosa di molto importante. Per un romanzo si intende il fatto che nessuno si appassionerà a una storia se non viene messo in gioco qualcosa a cui il protagonista tiene tantissimo.

«Credo che le mie storie sarebbero parecchio noiose se i miei protagonisti non fossero terrorizzati dall’idea di soffrire o di perdere la vita» dice per esempio lo scrittore Jeffery Deaver. «Non ci si può affezionare e quindi identificare in un personaggio a cui non importa nulla se vive o muore».

Ma non è indispensabile che a essere in gioco sia la vita del protagonista. Nel cinema un esempio è Frantic, di Roman Polanski, dove Harrison Ford deve intraprendere una “caccia al tesoro” per riavere la moglie rapita; oppure L’uomo che sapeva troppo, di Hitchcock, dove i genitori del piccolo  Hank sono disposti a tutto pur di salvare il figlio. Due esempi che dimostrano perfettamente come, molte volte, a rendere un thriller brillante è il rischio di perdere proprio la persona che ci è più cara.

Per scoprire se e quando Massimo Polidoro ha utilizzato questa regola nel suo nuovo thriller, Non guardare nell’abisso, è possibile scaricare le prime 30 pagine del libro qui:

SCARICA L’INIZIO DEL ROMANZO

Chi acquista il romanzo, poi, potrà richiedere un pass per partecipare gratuitamente (fino a esaurimento posti) a due suoi workshop: uno dedicato ai trabocchetti della mente e l’altro su come parlare in pubblico, che si terranno al Castello Malaspina di Varzi (PV) sabato 3 settembre. Qui tutte le informazioni.

Guarda il booktrailer del libro:

Scopri il calendario completo delle tappe toccate dal blog tour di Massimo:
http://goo.gl/EpLoIj

E qui le presentazioni in giro per l’Italia:
http://goo.gl/jsXPm2