Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | October 18, 2017

Torna su

Alto

Alafair Burke – Una perfetta sconosciuta

| On 12, Apr 2017

Editore Piemme
Anno 2017
Genere Thriller
384 pagine – cartonato e ebook
Titolo originale Long Gone
Traduzione di Elena Cantoni

Alice Humphrey sta parlando con la polizia, nello specifico con un certo detective Shannon; questi le sta mostrando una fotografia nella quale lei bacia appassionatamente un uomo, Drew Campbell, che poco tempo dopo lo scatto lei stessa ha trovato morto, ucciso in circostanze misteriose. Ma Alice, figlia di un importante ma discusso produttore cinematografico, direttrice di gallerie d’arte, non ha nessuna memoria di quel bacio né di aver mai incontrato Campbell prima che questi, a una festa, le proponesse di aprire una galleria per un suo cliente, un artista che rifiuta di apparire in pubblico. Le sue opere non piacciono ad Alice, ma è una professionista.

Questo mistero, perno dell’intero romanzo, è soltanto il primo con cui l’autrice (e docente di giurisprudenza) Alafair Burke intrappola la sua protagonista. La vita di Alice, tutto sommato piuttosto agiata fino a quel momento, crolla a pezzi, con conseguenze che nemmeno una possibile soluzione positiva del caso potrà mai riparare. Ma non anticipiamo nulla.

Una perfetta sconosciuta, romanzo che ha atteso sei anni prima di una traduzione italiana essendo stato originariamente pubblicato nel 2011 con il titolo Long Gone, è basato su una serie di incomprensioni, su persone che non sono chi dicono essere, su avvenimenti che forse non hanno mai avuto luogo, su eventi che nascondono altri eventi tra i quali se ne celano altri ancora in un gioco di scatole cinesi da far girare la testa. Ma l’autrice è molto abile a rendere tutto perfettamente fluido. A ripensarci dopo aver finito di leggere, un riassunto completo sarebbe complicatissimo da stendere; ma il romanzo scorre senza il minimo problema, ogni particolare è abbastanza nitido e distinto dal resto che non si corre il rischio di perdersi. Un pregio della scrittura della Burke e anche della traduzione di Elena Cantoni, praticamente impeccabile.

Si tratta insomma di un romanzo avvincente, dalla trama complessa e molto ben costruita, completamente privo di momenti di stanca, colmo anzi di colpi di scena e sorprese imprevedibili ma perfettamente giustificate all’interno della trama. Non c’è nessun deus ex machina, nessun poliziotto mai incontrato prima, investigatore privato o dilettante fortunato che aiuta i protagonisti a risolvere il caso: tutto è lì sin dall’inizio, nascosto molto bene.

Marco A. Piva


La scrittrice:

Autrice de La ragazza nel parco, bestseller pubblicato in Italia da Piemme, Alafair Burke è un avvocato penalista, con una grande esperienza di processi. I suoi romanzi, sia crime che thriller psicologici, sono bestseller del New York Times, elogiati da autori come Michael Connelly e Dennis Lehane.