Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | July 25, 2017

Torna su

Alto

Walter Lucius – La farfalla nell’uragano

| On 29, Apr 2017

Walter Lucius è autore di teatro, sceneggiatore e produttore. Con la casa di produzione Odyssee, da lui fondata, ha realizzato diversi documentari per incarico del governo olandese, in particolare sull’integrazione dei migranti. La farfalla nell’uragano, primo episodio di una trilogia ambientata ad Amsterdam in uscita nei principali paesi europei, è stato candidato in Francia al Prix du polar européen e ha vinto lo Schaduwprijs, attribuito nei Paesi Bassi al miglior romanzo poliziesco.

Per Marsilio Editore e disponibile in cartaceo e in ebook, questa la sinossi:

Nella vita irrequieta di Farah Hafez, brillante reporter dell’Algemeen Nederlands Dagblad, ci sono due punti fermi: il primo è il giornalismo, il secondo è il pencak silat, arte marziale di origine indonesiana che Farah ha appreso dal padre quando viveva a Kabul, prima che arrivasse la guerra e prima di trovare rifugio, ancora bambina, ad Amsterdam. Ormai cittadina dei Paesi Bassi, Farah non ha mai smesso di praticare la nobile arte dei guerrieri di Sumatra, ed è proprio l’esito di un combattimento a far sì che lei si trovi all’ospedale nel momento in cui un bambino dai tratti mediorientali, vittima di un pirata della strada, viene trasportato d’urgenza in sala operatoria. Porta gioielli e campanellini e indossa un abito tradizionale che subito attira l’attenzione della giornalista. Quando le sue labbra formano una parola che nessuno intorno è in grado di capire, Farah riconosce la lingua della propria infanzia, e si rende conto che quell’abbigliamento appartiene a uno dei rituali più detestabili praticati in Afghanistan. Cosa può aver spinto quel bambino tra i boschi intorno alla capitale olandese? È l’inizio di un’indagine ad alto rischio verso il cuore di una potente organizzazione criminale che da Mosca attraversa l’Europa e si estende fino a Johannesburg, alimentata dalla smisurata corruzione che dilaga negli ambienti politici e finanziari. In un paese dove la multiculturalità ha solo apparentemente trovato un equilibrio, l’ostinata volontà di fare luce sulla drammatica vicenda del piccolo afghano porterà Farah a un duro confronto con un passato che credeva di essersi lasciata alle spalle, e che l’aveva quasi uccisa.