Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | September 22, 2017

Torna su

Alto

Renzo Bistolfi – Lo strano caso di Maria Scartoccio

| On 12, Set 2017

Renzo Bistolfi (Genova 1954) vive a Milano, dove lavora come manager in una società internazionale. Instancabile viaggiatore fai da te, non ha mai tagliato i ponti con la sua Genova e con Sestri Ponente, dove torna appena possibile a ritemprarsi dalla vita metropolitana. Appassionato di teatro, ha fatto l’attore in una compagnia amatoriale. Ha letto tutti i romanzi di Georges Simenon, che considera un vero maestro. Nelle edizioni TEA sono già apparsi I garbati maneggi delle signorine Devoto e Il coraggio della signora maestra.

Dal 14 settembre 2017 disponibile nelle librerie per TEA il romanzo di cui vi riporto la sinossi:
Sestri Ponente, novembre 1956. La palazzina di via D’Andrade ospita un campionario di umanità molto varia: la sarta laboriosa aiutata da un giovane apprendista timida e bella; l’oste truffaldino; la vedova insolvente con il figlio dalle spalle larghe, la vita stretta e poca voglia di faticare; la cinquantenne con tanti figli ma nessun marito… Tutti sanno tutto – o quasi – di tutti. Alcuni sono amici, altri si sopportano, tutti si danno una mano per affrontare le ristrettezze. E c’è una cosa che unisce indissolubilmente gli abitanti di via D’Andrade: l’odio per la loro padrona di casa, la Maria Scartoccio. Ogni 5 del mese fa il giro degli appartamenti per riscuotere gli affitti e alla fine della giornata non c’è un inquilino che si addormenti con il sorriso… Così, quando Maria Scartoccio viene trovata morta in casa, vittima di quello che sembra un grottesco incidente, tutta la palazzina tira un enorme sospiro di sollievo. Forse, però, non è stato un incidente…
Renzo Bistolfi ci racconta con ironia e partecipazione le atmosfere, i luoghi e le vicende di un tempo che ci sembra ormai remoto, ridando vita e corpo a personaggi e sentimenti capaci di suscitare nel lettore divertito un sorriso di nostalgia.

«Quel demonio fatto e finito!» tuonò Battista allargando le braccia. «È lì che aspetta come un avvoltoio posato sul ramo. E dire che i settanta non se li ricorda più nemmeno lei e… sapete com’è: con le palanche non vi ci foderano mica la cassa, no? Sì, insomma», Battista ammiccò in modo eloquente, «i cappotti di mogano in definitiva li fanno ancora senza tasche. Per tutti!» «Eh, già.» convenne la Scaramellini, seria.

«E poi i denari dell’avarone vanno in bocca al leccardone, dicevano i miei vecchi.»

Battista andò alla porta e sbirciò fuori, attraverso i vetri rigati di pioggia. «La vedete? Adesso va a fare il giro delle pigioni: è il cinque del mese, mese di novembre millenovecento e cinquantasei», sillabò solennemente sgranando gli occhi, sostenuti da due vistose borse. «Un tempo da andare a picchiare negli scogli con barca e tutto, ma lei niente: nemmeno la burrasca di mare la fa ritardare di un giorno. E poveretto chi gli manca uno scudo, una palanca, allora non vuol sentir ragioni e diventa cattiva come l’aglio!» Scrollò la testa pelata e concluse.

«E poi ha sempre una cattiveria da dire. Una a testa, come il prete che ti mette l’ostia sulla lingua…lei invece ci posa un po’ di veleno. E io ci avrei fin paura che il Padreterno un giorno o l’altro mi castigasse, altro che.»