Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | September 23, 2017

Torna su

Alto

Roberta Bruzzone e Valentina Magrin – Delitti allo specchio. I casi di Perugia e Garlasco a confronto

| On 16, Set 2017

 

Roberta Bruzzone, psicologa forense, criminologa investigativa ed esperta in Criminalistica applicata all’analisi della scena del crimine, docente di Criminologia, Psicologia investigativa e Scienze forensi presso l’Università LUM Jean Monnet di Bari, svolge da anni attività di docenza sulle forme criminali emergenti con particolare riferimento ai rischi che si corrono online.
È consulente tecnico nell’ambito di procedimenti penali, civili e minorili e si è occupata di molti tra i principali delitti avvenuti in Italia.
È presidente dell’Accademia Internazionale delle Scienze Forensi (AISF – www.accademiascienzeforensi.it) e docente accreditato presso gli istituti di formazione della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri. È vicepresidente dell’Associazione “La caramella buona ONLUS”, che si occupa di sostenere le vittime di pedofilia. Svolge inoltre attività di docenza specialistica in numerosi master e corsi di perfezionamento universitari. Per Imprimatur nel 2016, con l’avvocato Emanuele Florindi, ha scritto Il lato oscuro dei social media.

Valentina Magrin, filosofa, è specializzata in analisi delle fonti documentarie e giornalismo investigativo. Esperta in scienze forensi, criminologia investigativa e criminal profiling, è membro dell’Accademia Internazionale di Scienze Forensi. È curatrice del portale www.cronaca-nera.it. Ha scritto insieme a Fabiana Muceli La chiave di Cogne. Come si occulta una semplice verità quando il delitto diventa mediatico (2008). Nel 2017 ha firmato, con la genetista Marina Baldi, il quinto capitolo (“La tutela del genoma umano”) del Trattato di diritto e bioetica.

Disponibile dal 31 agosto 2017 per Imprimatur Editore, il libro analizza i due delitti che hanno turbato profondamente l’Italia e non solo.
Questa la sinossi:
Quando il “sistema Giustizia” fallisce il peso di quel fallimento, in fondo in fondo, ricade un po’ su tutti noi. Allora non ci resta che raccontare queste storie nella maniera più “vera e spietata” possibile, per rendere un ultimo e doveroso tributo al ricordo delle vittime.

“Al di là di ogni ragionevole dubbio” è un posto piuttosto impervio, difficile da raggiungere senza faticare. Ed è proprio lì che vi porteremo.

«Chiara e Meredith non si conoscevano e probabilmente, se anche la vita fosse stata con loro più generosa, se avessero potuto evitare l’ineludibile destino di morte che le attendeva, a tradimento, in un giorno qualunque, non si sarebbero mai incontrate. Eppure le vicende che, loro malgrado, le hanno viste protagoniste hanno davvero tanto in comune. Due storie per molti versi speculari. Due giovani ragazze proiettate verso il futuro, due vite spezzate apparentemente molto diverse, almeno fino a quell’atroce, quanto precoce epilogo. Appartengono a loro le prime immagini che si riflettono l’un l’altra in questo labirinto di specchi nel quale entreremo per cercare di fare chiarezza su due degli episodi più neri della cronaca del nostro Paese.
Torneremo sulla scena del crimine, ripercorreremo le indagini svolte analizzando i fatti in modo oggettivo, depurandoli dalle scorie delle false insinuazioni e delle (troppe) parole buttate al vento. E cercheremo di spiegare perché, talvolta, alcune scelte processuali sono scelte obbligate per tentare di porre rimedio alle inevitabili conseguenze di clamorosi errori investigativi, così come certe condanne o certe assoluzioni possono essere “giuste” anche se lasciano dubbi e non rispecchiano in pieno la realtà dei fatti».