Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | September 22, 2017

Torna su

Alto

Walter Lucius – La farfalla nell’uragano

| On 04, Set 2017

Editore Marsilio Collana Farfalle I gialli
Anno 2017
Genere Giallo
624 pagine – brossura e ebook
Traduzione di : M. C. Coldagelli, C. Cozzi

Yin e Yang, Oscurità e Luce: questo concetto calza a pennello per “La farfalla nell’uragano”. Inizio dalla Luce, ossia dagli aspetti positivi. Una moltitudine di personaggi tutti ben descritti e con ruoli ben definiti. Alcuni di questi li abbiamo già incontrati in altre storie (purtroppo anche nella realtà) come la giornalista televisiva che venderebbe l’anima al Diavolo pur di avere audience, successo e notorietà. Cathy Marant è così odiosa che se fosse in una sceneggiata napoletana, il pubblico le lancerebbe pomodori marci.

Sono presenti oligarchi russi, magnati dell’editoria, ex militari e le loro guardie del corpo; personaggi questi che rivestono il loro ruolo alla perfezione: cinici, violenti e delinquenti. Il troppo altruismo e la mancanza di giudizio porterà la dottoressa Danielle Berson a fidarsi delle persone sbagliate cadendo nella trappola che, con molta abilità, viene architettata ai suoi danni. Marouan Diba e Joshua Calvino sono i due ispettori che indagano su un caso di pirateria stradale e su un duplice omicidio. Antitetici per carattere, i due poliziotti lavorano bene e con ottimi risultati, ma c’è un’ombra che mai abbandona Marouan e che condizionerà in parte le indagini.

Imponente come figura e come carattere è Edward Vallent, il direttore del quotidiano d’inchiesta “And”, un uomo saggio e coraggioso che sa tenere testa ai suoi più ricchi e potenti concorrenti.

Anche suo nipote, Paul Chapelle, è un giornalista sul “campo” che non esita a rischiare la vita in Sud Africa pur di smascherare la complicità dei potenti uomini politici con uomini d’affari privi di ogni scrupolo. Come non prendere a cuore le sorti del piccolo Sekandar e come non rabbrividire per il Bacha Bazi: un’usanza millenaria afghana in base alla quale i bambini vengono venduti dalle famiglie poverissime a uomini abietti che li truccano da danzatrici per intrattenere i signori della guerra. Infine c’e il faro che illumina l’intero romanzo: Farah Hafez di origini afghane, giornalista dell’”And” e campionessa del “Penkak silat” l’antica arte marziale indonesiana: gli spettatori partenopei lancerebbero a Farah petali di rose.

Tutti questi personaggi sono stati gestiti con grande maestria dall’autore che, con uno stile brillante ed essenziale, ci ha proposto un romanzo avvincente, pieno di colpi di scena, con un ritmo incalzante che stimola la fantasia facendoci fare un giro attorno al mondo attraverso paesi molti diversi sia per cultura sia per tradizioni. “La farfalla nell’uragano” è il primo episodio di una trilogia, Farah Hafez la nuova Lisbeth Salander? Ambedue giovani, affascinanti, con un innato senso di giustizia, indipendenti, leali, coraggiose, non esitano a rischiare la vita per i loro amici. Sono certo che anche Farah diventerà un personaggio indimenticabile se Marsilio ci permetterà di leggere il secondo e il terzo libro della serie. All’inizio vi avevo parlato di Yin e Yang, è ora di dare voce allo Yin, ossia l’Oscurità. L’unica punto non positivo è che in alcuni momenti la successione degli avvenimenti è troppo frenetica, poco attendibile per quanto attiene ai tempi ed è poco credibile che tutti i personaggi principali, per una serie di coincidenze fortuite, si ritrovino su un’autostrada per la resa dei conti finali. Nonostante ciò si vorrebbe già avere in mano il secondo volume per continuare a leggere (nonostante le 624 pagine del primo).

Aurelio Morandi

Lo scrittore:

Walter Lucius  è autore di teatro, sceneggiatore e produttore. Con la casa di produzione Odyssee, da lui fondata, ha realizzato diversi documentari per incarico del governo olandese, in particolare sull’integrazione dei migranti. La farfalla nell’uragano, primo episodio di una trilogia ambientata ad Amsterdam in uscita nei principali paesi europei, è stato candidato in Francia al Prix du polar européen e ha vinto lo Schaduwprijs, attribuito nei Paesi Bassi al miglior romanzo poliziesco.