Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | November 18, 2017

Torna su

Alto

Alexandra Oliva – La donna nel buio

| On 31, Ott 2017

Editore Sperling & Kupfer
Anno 2017
Genere Thriller
336 pagine – rilegato e ebook
Traduzione di C. Brovelli

Un reality show estremo, Nel Buio, (insomma un ennesimo pseudo Grande Fratello) senza esclusioni di colpi, con un favoloso premio milionario, registrato, montato e proiettato su tutti gli schermi americani per il “perverso” o “pervertito” sollazzo di milioni su milioni di spettatori. Lo show sarà ambientato in una foresta nel New England e i concorrenti dovranno affrontarsi ed eliminarsi in una gara, un reality che viene presentato come il più difficile, duro e competitivo. Dodici tra uomini e donne che per i motivi più diversi hanno deciso di partecipare sono stati selezionati secondo criteri particolari in grado di fare di ognuno di loro un personaggio.

I concorrenti saranno immersi nella natura selvaggia e alle già durissime difficoltà naturali si aggiungeranno anche quelle, artificiali, create dagli inventori di questa ennesima variante di Survivor Game. E al più bravo, al più convincente, a colui che saprà resistere fino all’ultima prova andrà la palma del successo e il premio. “Nel Buio” non ha una data precisa di scadenza e, per potersi ritirare, i concorrenti devono pronunciare la frase latina: ad tenebras dedo. Impegnati in una dura e difficile competizione, con risicati contatti con gli organizzatori e i cameramen che devono riprenderli, i dodici sono coinvolti in una vera gara di sopravvivenza che li costringe a impegnarsi allo stremo fino ad arrivare a un’ultima prova in solitario. E di là il nulla… Perché i concorrenti non sanno che nel mondo reale una improvvisa e letale epidemia ha dilagato senza freni e sta falcidiando la popolazione.

Senza più riferimenti o contatti con la vita esterna, non potranno rendersi conto che, mentre sono impegnati a gareggiare tra loro, fuori c’ è il caos. L’organizzazione riesce a ricuperare molti concorrenti, ma non riesce a trovarne una. Una giovane donna che i produttori del reality hanno soprannominato Zoo, perché lavorava in una riserva naturale, e che ha deciso di entrare nel programma per vivere un’ ultima grande avventura prima di avere dei figli. Completamente calata nello show, Zoo scambierà la desolazione del mondo che incontra sul suo cammino per una nuova terribile fase del gioco da superare, continuerà ad andare avanti, nonostante abbia problemi di vista (ha rotto gli occhiali), cercando di sopravvivere giorno per giorno e facendo di tutto per non arrendersi. Solo l’incontro con Brendan, un ragazzino tredicenne immune dal contagio, la smuoverà dalla sua negazione, le toccherà il cuore e le farà finalmente prendere coscienza della spaventosa realtà. Solo allora Zoo capirà quanto sia importante non darsi mai per vinta, ma continuare ad andare avanti senza mai perdere la speranza.

In bilico tra apocalittica pseudo realtà e reality, La donna nel buio è un thriller che aggiunge tensione a tensione, mentre la sua splendida protagonista, pagina dopo pagina, riesce a sopravvivere spingendosi oltre i propri limiti fisici e psicologici… Insomma: Una donna nel buio è un indovinato mixer fra lo show televisivo Survivor, versione americana del franchising televisivo internazionale della concorrenza Survivor, derivato dalla serie televisiva svedese Expedition Robinson, creata da Charlie Parsons, e La strada, celebre romanzo post apocalittico del 2006 dello scrittore statunitense. Infatti Alexandra Oliva costruendo l’ intrigante e originale situazione della sua trama inserisce un quid e un particolare scenario in grado di insaporire questo nuovo piatto nel nutrito menù di opere di questo filone.

Patrizia Debicke

La scrittrice:
Alexandra Oliva, conosciuta in patria con il diminutivo di Ali, è laureata a Yale e ha conseguito un master in scrittura creativa: è al suo primo romanzo pubblicato, dopo alcune opere di prova rimaste nel cassetto o a collezionare rifiuti dalle case editrici.
Uno dei probabili motivi della costruzione di La donna nel buio è legata alla diretta esperienza dell’autrice: Ali Oliva ha infatti partecipato a diversi corsi di sopravvivenza, fra i quali uno in particolare le ha insegnato come riuscire a trovare acqua e cibo in zone semidesertiche.

.