Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Contorni di Noir | January 22, 2018

Torna su

Alto

Friedrich Ani – Il giorno senza nome. Un caso per Jakob Franck

| On 23, Ott 2017

Friedrich Ani nasce nel 1959 in Baviera, a Kochel, e vive a Monaco. Pluripremiato giallista tedesco, vincitore per cinque volte dell’autorevole Deutscher Krimipreis, è anche autore di numerosi romanzi, libri per ragazzi, poesie, radiodrammi e sceneggiature.

Vi presento Jacob Franck. O meglio, ve lo presenta Friedrich Ani. Ancora lui, il giallista poetico, pittore di anime silenziose, torna con un nuovo romanzo – questa volta pubblicato da Suhrkamp – e soprattutto con un nuovo protagonista: l’ex commissario Franck. Rimpiangeremo Tabor Süden? I tedeschi non sembrano pensarla così visto che il libro – in tedesco Der Namenloss Tag– ha vinto nel 2016 il Deutscher krimi Preis, l’ennesimo per Ani, e lo Stuttgarter Krimi Preis ed già diventato un film omonimo per la regia di Volker Schlondorff. Non dimenticando che in proposito “Die Zeit” ha parlato dello scrittore come del “legittimo successore di Dürrenmatt.”

Avete presente Tredici? Sì, la serie tv. Ecco, Il giorno senza nome evoca quella storia. Vent’anni prima una ragazza, Esther, si è suicidata: è stata trovata impiccata ad un albero nel piccolo parco dietro casa…

Questa la sinossi del romanzo, pubblicato da Emons Edizioni e disponibile dal 9 novembre 2017:
Durante il suo lungo servizio, il capo detective Jakob Franck si è sempre offerto di informare i parenti della morte dei loro cari. Un compito che ha portato avanti stoicamente, con umiltà e tatto. Una notte di tanti anni prima rimase accanto alla madre di una diciassettenne suicida, abbracciandola in silenzio fino all’alba. In pensione da pochi mesi viene ora contattato da Ludwig Winther, padre della ragazza. Dopo vent’anni, Winther ancora non crede al risultato delle indagini. Anzi, non ha dubbi, Esther è stata uccisa. Per far luce su quella morte, Jakob Franck si affaccerà sulla vita di Esther, e userà un suo metodo molto particolare, una completa immedesimazione nell’altro, che gli permette di sentirne il pensiero e le paure.

Tag