Wolfram Fleischhauer – Rosso Come il Mare

1069

Editore Emons / Collana: GiallI Tedeschi
Anno 2019
Genere Eco-thirller
368 pagine – brossura e epub
Traduzione di Simone Buttazzi


Se dipendesse da me, il pesce – tutto il pesce – vivrebbe pacificamente e immacolato nel suo habitat, sia esso d’acqua dolce o d’acqua salata. Sono un carnivoro e non ho velleità vegane o similari – rispetto che le segue, ma reputo che il problema sia molto al di sopra di una scelta tra carne e verdure. Leggendo questo libro ne ho avuto un’indiretta conferma. Noi abbiamo una visuale estremamente ristretta di quello che accade, maledettamente filtrata ed edulcorata, oltre a una forma di innato egoismo che ci porta a preoccuparci di eventuali questioni solo quando queste entrano a gamba tesa nel nostro quotidiano. Essere attenti, informati, cercare quella forma di “etica” (parola abusata e svalutata da cotanto abuso) nel nostro vivere giornaliero, quella medietas che ci permetterebbe comunque di vivere sovranamente senza devastare ciò che ci circonda è estremamente complicato, faticoso e scorante. Così non lo facciamo, o meglio, facciamo sforzi ridicoli – come la differenziata – che mettono a posto le nostre coscienze, ma non sappiamo, per esempio, nulla del mondo che sta alle spalle del commercio dei rifiuti (non ho sbagliato termine), della mercificazione dello spreco e del fatto che si facciano campagne sul “sacchetto si”, “sacchetto no” che altro non sono che favolosi specchietti per le allodole per darci una pacca sulla spalla e sentirici eco-qualcosa perché facciamo spesa con il sacchetto bio. No, non siamo eco-sostenibili, nemmeno per sbaglio, e questo libro ci sbatte tremendamente in faccia quanto sia falso.

Tantissime cose del nostro tempo potrebbero essere tradotte con un solo termine: soldi. L’accaparramento, il delirio del possesso del potere che deriva dai soldi, la capacità che hanno di livellare ogni cosa e di sradicare senza remore ogni qualsivoglia tendenza di umanità, rispetto, sensibilità, empatia. I soldi devastano ogni aspetto del nostro vivere civile che diviene incivile, anche senza che ce ne accorgiamo, tanto che a un certo punto c’è qualcuno che per risolvere un problema potrebbe decidere di fare qualcosa di drastico e definitivo. Le onde rosse del Das Meer (il mare) di Fleischhauer sono pronte a travolgervi. I personaggi sono l’uno l’antitesi dell’altro in un gioco di rimbalzi che spesso non capirete chi sta con chi e chi gioca contro o in squadra. Mondi familiari divisi, colleghi di lavoro alienati, irriducibili ed infingardi uomini d’affari con coscienza non pervenuta e cattiveria senza confini.

Ci sono due cose di cui non dovresti mai sapere come sono fatte: la politica e le salsicce” è quello che si sente dire John Render, l’uomo della UE che addestra gli osservatori che dovranno occuparsi di controllare la pesca, che sa e che ha visto come gli oceani vengano messi in pericolo, ma è anche tristemente consapevole di come le agenzie ufficiali abbiano pressoché le mani legate. Vi troverete a leggere di pesca eccessiva ed illegale, di catture di specie che dovrebbero essere protette, ma il cui nome non compare sull’etichetta d’accompagno, sulla vita quasi da schiavi che conducono coloro che lavorano sui pescherecci e su come la violenza verso chi controlla possa assumere le più svariate sfaccettature.

A un certo punto vorrete arrivare alla fine, per capire se c’è ancora qualcosa da salvare, se ci sia ancora qualcuno di cui potersi fidare, capire se vi sia dato modo di poter intervenire, magari, o di poter scegliere (ingenui). Vorrete arrivare alla fine perché Fleischhauer vi ha fatto bruciare dentro e l’unico modo per cercare d’attenuare l’incendio sta nell’arrivare in fondo. Attenti, però, a trovare quello che cercate.

Michele Finelli

[divider] [/divider]

Lo scrittore:
Wolfram Fleischhauer è nato nel 1961 a Karlsruhe. Ha studiato letteratura in Germania, poi ha viaggiato molto in Europa America e Oriente. Il suo lavoro di interprete lo ha portato per lunghi periodi a Bruxelles, ma ora vive a Berlino con la moglie e il figlio. Ha scritto dieci libri, tra romanzi storici e thriller, che sono tradotti in più di una dozzina di lingue. In italiano sono pubblicati da Longanesi Un enigma color porpora, La donna dalle mani di pioggia, Il libro che cambiò il mondo, L’ombra dell’ultima rosa. In Germania è imminente l’uscita del film tratto da Il bosco silenzioso.

https://wolfram-fleischhauer.com/