Harald Gilbers – Atto finale

1107

Harald Gilbers (Monaco di Baviera, 1969) ha studiato letteratura inglese e storia moderne e contemporanea. Prima di diventare regista teatrale, ha lavorato come giornalista delle pagine culturali e per la televisione. I suoi gialli sono tradotti in francese, polacco, danese e giapponese.  Il primo romanzo della serie dell’ex commissario Oppenheimer, Berlino 1944(pubblicato da Emons nel 2016), ha vinto il Glauser Preis 2014, uno dei più importanti riconoscimenti per i gialli in Germania, mentre il secondo romanzo, I Figli di Odino (Emons 2017), ha ottenuto in Francia il Prix Historia 2016.

Per Emons Edizioni, in uscita il 18 ottobre 2018, il nuovo romanzo di cui vi riportiamo la sinossi:

Aprile 1945. La fine della guerra in Europa è imminente e Berlino è ormai ridotta a una città fantasma. Grazie a Ede, una sua vecchia conoscenza, l’ex commissario Oppenheimer e sua moglie Lisa hanno trovato rifugio nella cantina di un birrificio: lì attendono l’arrivo dell’Armata Rossa. Con loro c’è un uomo mite che dice di essere un impiegato delle poste; porta con sé una valigetta dalla quale non si separa mai.

Ma mettersi al riparo dalla ferocia è impossibile e l’arrivo delle truppe sovietiche non devasterà solo il cuore del Reich. Saranno la rabbia e la vendetta a guidare questa volta l’ex commissario in un’indagine per trovare l’uomo che ha violentato sua moglie. Ben presto, però, Oppenheimer scoprirà di non essere il solo a dargli la caccia. Il colpevole è un russo coinvolto in un affare che potrebbe essere determinante per i futuri equilibri mondiali.