Cristina Brondoni – Voglio vederti soffrire

1210

Editore Clown Bianco / Collana I Gechi
Anno 2019
Genere Thriller
304 pagine – brossura e epub

[divider] [/divider]

È estate a Milano, e fa caldo. Tanto caldo.
Paola è una modella e influencer, con un seguito su Instagram numeroso ma in declino, che ha appena perso un contratto importante negli Stati Uniti per essersi presentata sul set fotografico mezza ubriaca. È tornata a casa, a vivere con i genitori, che mal sopporta e che la trattano con sufficienza. Facendo la spesa, incontra un uomo che secondo lei somiglia un po’ a Paul Newman. Pensando a lui, quella sera, improvvisamente, muore.
In un albergo, un ragazzo apparentemente senza gran problemi precipita dalla finestra, morendo. Si è buttato, è caduto o è stato spinto? Del caso si occupa l’ispettore Enea Cristofori, accompagnato dal collega e amico fraterno Gabrio. Di recente Enea, che ha qualche problema con una donna che lui considera semplicemente un’amante, una di tante, mentre lei crede di essere diventata la sua fidanzata, ha cominciato a sentirsi debole. Probabilmente colpa del caldo e delle preoccupazioni, gli è calata la pressione. Ah, dimenticavo: un po’ assomiglia a Paul Newman.
Incontriamo poi Donata, un’infermiera brava e attenta che però sembra morbosamente attaccata alla propria infanzia, nella quale avrebbe forse potuto essere una piccola modella.

Nel frattempo, un uomo anziano uccide l’amata moglie a colpi di scure. Anche qui, indaga Enea.
Queste sono le premesse di questo “Voglio vederti soffrire”. Non è ben chiaro, da queste, cosa stia succedendo né se ci sia un filo conduttore che lega questi eventi. Ed è questo che l’autrice cerca: lanciare noi lettori nel caos di fronte al quale si trova il protagonista, Enea, lasciandoci confusi e desiderosi di scoprire cosa stia succedendo a Milano.
Seguendo in parallelo le indagini poliziesche e le vicende personali di Enea, che si sente sempre peggio e che ha sempre più problemi con le donne nella sua vita (compresa la sorella), Cristina Brondoni ci fa sentire il caldo soffocante nel quale ha voluto immergere i suoi personaggi, dandoci quella sensazione asfissiante che può trasmettere soltanto l’afa della grande città nel pieno dell’estate. O una serie incalzante di eventi, apparentemente non connessi tra loro ma che si susseguono in maniera angosciante.
Tutto questo fino a un capitolo finale incredibile, con le ultime poche righe assolutamente indimenticabili.

Ora, il punto dolente: personalmente, ho trovato i vari capitoli, pur ben ritmati, un po’ ripetitivi e a volte – raramente, sia chiaro – ridondanti. Alcune sottotrame vengono trascurate, mentre altre sembrano comparire e scomparire.
L’intuizione finale è abbastanza chiara al lettore, che naturalmente vede cose che i personaggi non possono osservare, ben prima che la storia raggiunga il punto in cui i protagonisti ci arrivano, quindi da un certo punto la domanda che ci si pone seguendo la storia è non “cos’è successo?” ma “quando succederà quella tal cosa?” (non entro nello specifico per non rovinare la sorpresa); questo non è un aspetto negativo, sia chiaro, è semplicemente un trucco narrativo cui l’autrice è senza dubbio ricorsa consapevolmente, scegliendo di portare il lettore su questa strada, di concentrare la tensione su un aspetto nuovo invece di mantenerla, come succede nella maggior parte dei thriller, sulla classica ricerca del colpevole. Questa è una decisione che può piacere o no, ma che senza dubbio è piuttosto innovativa e originale, e che fa spiccare questo romanzo tra i suoi simili.
“Voglio vederti soffrire” è senza dubbio un romanzo che si fa ricordare, grazie anche ad alcuni personaggi veramente memorabili – e, come ho già scritto, a un finale veramente incredibile.

Marco A. Piva

[divider] [/divider]

La scrittrice:
Cristina Brondoni vive a Milano con marito e due gatte. Fa la giornalista e la criminologa. Ha scritto diversi saggi (Dietro la scena del crimine – Morti ammazzati per fiction e per davvero per Las Vegas Edizioni; insieme a Luciano Garofano, Il soccorritore sulla scena del crimine per Edizioni Giuridiche Simone; Sembrava un incidente – Staging sulla scena del crimine per Aras Edizioni). Per tre anni è stata ospite fisso, come criminologa, di TgCom24. Da anni collabora con l’ex comandante del Ris di Parma, Luciano Garofano, in casi di omicidio, suicidio e morti sospette. Nei weekend, invece di stare a casa, tiene conferenze e docenze. Voglio vederti soffrire è il suo primo romanzo.