Patrizia Debicke e Alessandra Ruspoli – Il menestrello di Notre Dame

386

Editore Delos Digital
Anno 2021
Genere Giallo storico
313 pagine – cartaceo e epub


Bentornato al nuovo duo della narrativa giallo-storica: Patrizia Debicke van der Noot e sua figlia, Alessandra Ruspoli, alla seconda esperienza di scrittura a quattro mani.
Dopo “L’Enigma del fante di cuori”, ecco il nuovo nato: “Il menestrello di Notre Dame” per Delos Digital, collana History Crime.
Se Patrizia, che i lettori di Contorni di noir certamente già conoscono, in quanto decana della narrativa storica italiana non ha bisogno di presentazioni, spendiamo invece due parole su Alessandra Ruspoli. Il suo curriculum di giornalista di moda ed esperta d’arte di certo la qualifica, ma delle sue note biografiche (lette su Amazon) ci colpisce ben altro: da grande avrebbe voluto fare la STREGA!
Professione particolare, la strega! Diciamo che Alessandra, immaginando e rileggendo il passato ha compiuto un incantesimo quindi in parte ha soddisfatto il suo desiderio. Scrivere questo genere, infatti, richiede sensibilità, immaginazione, fantasia e anche quel pizzico di follia e astrazione dalla realtà: doti di cui le streghe (o le fate?) erano molto provviste.

Donne sensibili e fantasiose per secoli e secoli bruciate sui roghi… La loro intelligenza faceva paura ai maschi, le loro cure, che funzionavano meglio di quelle astruse dei medici del tempo, creavano scompiglio e competizione. Persino gli intrugli che preparavano con innocue erbe disturbavano qualcuno: i frati e i monaci che si ritenevano gli unici depositari dell’arte erboristica… Una delle tante vergogne dell’umanità
Per chi, come Alessandra, fosse interessato all’argomento ‘streghe’ ci permettiamo di segnalare un testo di recente pubblicazione: Tra paura e superstizione di Fabio P.P. Milani (Mursia). Sono undici processi di stregoneria analizzati e raccontati in modo asettico e con metodo storico. Interessanti!
Ma torniamo ora al nostro duo di autrici storiche e al loro nuovo Menestrello di Notre Dame.
È un mistery quindi non vi possiamo dire molto, né vogliamo rovinarvi la sorpresa, raccontandovi tutta la trama.
Sappiate che vi tufferete, tra completi di velluto color melanzana, pizzi e parrucche incipriate, a Parigi nel 1717. Durante una “cena privata” del duca d’Orléans, Reggente di Francia, il Visconte de Jouet viene barbaramente assassinato. Chi l’ha ucciso ha lasciato accanto al cadavere un foglio con una filastrocca. Il foglio è firmato Il Menestrello di Notre-Dame. L’ultima strofa della filastrocca recita “Pour notre jouissance nous avons cassé un jouet” (per divertimento abbiamo rotto un giocattolo). Jouet, è evidente, si riferisce al cognome del morto. L’Abbé Dubois, consigliere del Duca, chiede al conte François Jules de Beauvilliers di far luce sull’accaduto. Ma quell’omicidio è addirittura il terzo firmato dal Menestrello di Notre-Dame.
Chi sarà il menestrello? A voi scoprirlo, leggendo il romanzo!

Di più non si può dire, se non che la coppia di gentili e raffinate autrici saprà sorprendervi con alcune scene piccantelle, scritte con garbo e perfettamente inserite nel clima licenzioso del secolo. Come questa:
Beauvilliers non era un monaco, lo spettacolo era stimolante, il suo fisico reagiva e gli eleganti calzoni di velluto che indossava non celavano il suo interesse. – Tesoro, che terribile spreco – aveva constatato la dama, afferrandolo per mano e trascinandolo con sé. Avevano superato un divanetto che tremava sotto gli assalti di un giovane stallone, e scavalcato un tipo che lappava del vino dall’ombelico di una formosa rossa che squittiva sdraiata sul tappeto.

Elena e Michela Martignoni


Patrizia Debicke ha pubblicato romanzi gialli, thriller, storici d’avventura, racconti ed ebook: L’oro dei Medici (Corbaccio – Tea), La gemma del cardinale (Corbaccio- Tea) e L’uomo dagli occhi glauchi (Corbaccio, ebook Odissea Digital), che ha ottenuto il secondo premio assoluto al IV Festival Mediterraneo del giallo e del noir (12/2010). Al IX Premio Europa a Pisa, la Debicke ha ricevuto il Premio alla carriera. Per Todaro, ha firmato i romanzi La Sentinella del Papa e La congiura di San Domenico. Nel 2015 con Parallelo45 è uscito L’eredità Medicea e nel 2017, con DBooks Il ritratto scomparso. Con Delos Digital ha pubblicato anche i racconti Il segreto di Velasquez (2014) e La congiura Philippe le Bon (2014) , nel 2018 il manuale Come si scrive un romanzo storico e il racconto Gli occhi di Courcelles.

Alessandra Ruspoli vive a Firenze. Da grande avrebbe voluto fare la strega… Ha lavorato nella Moda per Emilio Pucci e Jean Paul Gaultier. Ha collaborato con riviste come Capital, Modaviva, Uomo Harper’s Bazaar, Aqua. Ha pubblicato il romanzo Dieci Piccoli Sette Nani, scritto con Lucio Nocentini. Ha organizzato le mostre “L’Arcadia di Arnold Boecklin” e “Rodolphe Toepffer: Invito al viaggio e Invenzione del fumetto” con il Consolato di Svizzera a Firenze. Convegnistica e Marketing per Reconta Ernst & Young a Firenze. È diplomata in Trompe l’Oeil e Decorazione d’Interni a Palazzo Spinelli a Firenze. Arredamento e Interior Design in campo alberghiero. Appassionata di vini e Sommelier. Adora le civette…