Diego Collaveri – Nel silenzio della notte

763

Editore Mursia/ Collana Giungla Gialla
Anno 2021
Genere Giallo
274 pagine – brossura e epub


Nel silenzio della notte, edito da Mursia nella Collana Giungla Gialla curata da Fabrizio Carcano, è il nuovo libro di Diego Collaveri.
È un’opera che ho trovato struggente per le tematiche trattate. È una storia che parla di donne, di donne sole che traggono la loro forza dalla conoscenza e dalla solidarietà che viene a crearsi fra di loro.
Claudia, Dina e Mihaela. Tre donne distanti tra di loro che, per una serie di vicissitudini, vedranno incrociarsi le loro vite.
Claudia è ispettore di polizia, Dina una ex insegnante in pensione, Mihaela – che arriva dalla Moldavia – una badante.
“Cambiare vita, ricominciare da capo; si domandava se ne sarebbe stata capace”

Claudia arriva a Livorno da Milano. A Milano è venuta a conoscenza di comportamenti poco lodevoli di alcuni colleghi. Com’è finita? Che ha avuto la promozione da ispettore ma trasferita a Livorno, dove non viene coinvolta attivamente nelle operazioni. Le viene fatto credere che almeno inizialmente il suo sarà solo un lavoro di studio di quella che è la situazione malavitosa della città. Questo comporta che Claudia passi le sue giornate a studiare vecchi incartamenti e, di conseguenza, non sia in nessun modo parte attiva del lavoro di squadra.
Claudia è sola, in una nuova casa, in una nuova città, in un ambiente ostile. Sola con i suoi ricordi, sola con le ferite che le ha inferto la vita, sola con i cattivi rapporti con sua madre. Il suo essere messa da parte sul lavoro la farà incrociare con un collega “sfigato” come lei, Luciano.
Due persone affini che si riconoscono, che nella loro solitudine troveranno i punti di contatto giusti e che, quando arriverà il momento, lavoreranno in perfetta sintonia ottenendo ottimi risultati.

“Maledì non avere più accanto il suo Silvano, lui sì che si sarebbe preso cura di lei. Invece se l’era dovuta cavare sempre da sola, un brutto male se l’era portato via troppo presto.
Si perse incantata nei tratti tanto affascinanti di un uomo aitante, nel pieno vigore degli anni, tentando di dimenticare l’immagine deperita e spenta degli ultimi giorni, in cui aveva dovuto assistere impotente allo spegnersi del suo grande amore. Silvano adorava il suo lavoro, ma ne aveva pagato un caro prezzo. I casi di tumore ai polmoni provocato dall’amianto nella zona portuale di Livorno e in quella industriale della provincia, secondo un dato del 2010, erano circa tre volte superiori alla media nazionale. Dopo tante battaglie, di associazioni e sindacati, a tutt’oggi molti scontavano ancora una pena ingiusta.”

Dina vive sola in casa sua, ha perso il suo amato marito. Discute con sua figlia, non riesce a trovare con lei la naturale sintonia che dovrebbe esserci tra madre e figlia. Ama guardare Chi l’ha visto e leggere i gialli. Non è semplice vivere da sola pensando di non avere più accanto colui che aveva diviso con lei la vita, che le manca in maniera così viscerale. E’ momentaneamente bloccata in casa per via di un’ernia al disco che le sta procurando molti fastidi, per questo sua figlia ha deciso di rivolgersi ad un’agenzia per assumere una badante che si occupi delle faccende domestiche.
“L’opportunità di far stare meglio la sua famiglia l’aveva spinta ad intraprendere questa nuova avventura, anche se la malinconia era una compagna costante.”

Mihaela è sola, arriva dalla Moldavia, nel suo paese ha lasciato il suo amato figlio Dimitru. Ha necessità di lavorare e come tante altre invisibili arriva in Italia.
La donna è sola in mezzo alle altre sventurate come lei all’interno di un’agenzia che le sfrutta per il proprio tornaconto. È sola in un mondo che conosce fin troppo bene queste tratte delle schiave. Ma tutto è nascosto dietro un’invisibilità che fa comodo rimanga tale. È lontana da suo figlio. Deve affrontare giornate piene di timori ed incertezze perché l’agenzia la mette in condizione di vivere timori ed incertezze.
Come si incrociano le vite di Claudia, Dina e Mihaela?
Mihaela è una delle badanti che si alternano in casa di Dina e Claudia è la nuova vicina di Dina. Dina si è affezionata a Mihaela, è una brava ragazza. Ma quando un giorno la vedrà particolarmente spaventata e se ne perderanno le tracce, si rivolgerà a Claudia per capire che fine abbia fatto.

Diego Collaveri ci racconta la storia di tre donne che nella loro solitudine cercano di sostenersi a vicenda. Dina non si gira dall’altra parte quando di Mihaela si perdono le tracce; Claudia – nonostante all’inizio del loro vicinato ci sia stata qualche scintilla – ci mette tutta la sua professionalità per aiutare Dina, uscendo dal torpore in cui è costretta a stare nel suo luogo di lavoro dimostrando così la validità della sua persona.
Aiutarsi e sostenersi, sempre, nonostante tutto e tutti anche se poi può capitare che non vada come vorremmo.
Le storie di donne che vanno sempre raccontate perché l’invisibilità non finisca nell’oblio.

Cecilia Dilorenzo


Lo scrittore:
Diego Collaveri è stato musicista, arrangiatore e sceneggiatore per diverse società, tra cui Fandango. Docente saltuario di Sceneggiatura e di Storia del Cinema, critico cinematografico a tempo perso, ha ricevuto diversi premi per la narrativa crime. È autore della saga del commissario Botteghi (Fratelli Frilli Editore) e di Fango (La Corte Editore, 2021).