Annavera Viva – Questioni di Sangue

1117

Editore Garzanti / Collana Narratori moderni
Anno 2022
Genere Giallo
256 pagine – brossura e epub


“Questioni di Sangue” di Anna Vera Viva è un dipinto, preciso e accattivante del rione Sanità uno dei rioni più caratteristici di Napoli, e dell’intera città: gioiello dai mille confini e dalle infinite trasformazioni. L’autrice, come un esperto pittore, adagia la sua penna sui vicoli, sui bassi – tipiche abitazioni dei quartieri popolari napoletani – e sulla vita degli abitanti di questo rione. Una vita purtroppo spesso caratterizzata dalla precarietà lavorativa, dall’assenza delle istituzioni, dalla delinquenza (quasi sempre a causa della necessità) e dalla miseria. La narrazione efficace consente al lettore di immergersi immediatamente nel carattere degli infiniti e caratteristici personaggi che abitano il quartiere: il produttore di abiti firmati contraffatti, la prostituta bella e triste, la contrabbandiera di sigarette – ma anche tante altre figure, non propense alla delinquenza, che devono utilizzare la famosa arte “dell’arrangiarsi” per sopravvivere – e di assaporare il gusto delle usanze di una città avvolgente senza mai cadere nel racconto scontato e stereotipato dove il fascino di questa città spesso conduce.

Il rione Santità, protagonista assoluto della vicenda, è considerato al pari di un’isola, distaccato quindi dal resto di Napoli. Su quest’isola i vivi e i morti stanno insieme, come se i morti non fossero morti e viceversa. È così da secoli: la morte e la vita fanno parte dello stesso pentagramma di note che formano la melodia dell’esistenza. In questo posto di confine, Peppino e Raffaele si incontrano dopo quarant’anni. Sono due fratelli, i protagonisti di questa storia. Due fratelli a simboleggiare l’eterna lotta tra il bene e il male. Infatti Raffaele è un parroco che, dato in adozione alla morte della madre, torna nel quartiere a dirigere la basilica di Santa Maria alla Sanità, mentre Peppino è il boss del quartiere.

Due personalità contrapposte, due caratteri senza nulla in comune se non il profondo e imprescindibile legame di sangue. Quando un omicidio arriva a imbrogliare le carte, Raffaele si sentirà in dovere di indagare per risolvere ciò che sembra risolto solo in apparenza, per arrivare alla verità dando voce al suo senso del dovere e conseguentemente del perdono. Non è facile agire in un luogo in cui esistono regole di vita profondamente radicate. Regole tacite, accettate e rispettate da ogni abitante. Smuovere le acque potrebbe significare sconvolgere l’equilibrio precario su cui molti legami si fondano. Compreso il legame di sangue con suo fratello che potrebbe diventare pericoloso, essendo da sempre fonte di tormento.

Un legame destinato – come il titolo di questo libro insegna – a diventare una questione. E le questioni, si sa, spesso possono restare irrisolte. Solo leggendo potrete sapere quale direzione avrà il flusso del sangue di questa affascinante “questione”.

Brunella Caputo


La scrittrice:
Anna Vera Viva, salentina, si trasferisce a Napoli nel 1982. Scrive da molti anni ed è sceneggiatrice di docufilm e cortometraggi tra cui La consegna e Specchio delle mie brame, candidati al David di Donatello. Le sue passioni sono viaggiare e gironzolare per musei e gallerie d’arte contemporanea. Soggiorna spesso a Parigi e tra le montagne abruzzesi.