Fabiano Massimi – Vivi nascosto

771

Editore Mondadori / Collana I Gialli Mondadori
Anno 2022
Genere Giallo
312 pagine – brossura e epub


L’amore nelle sue varie declinazioni è in grado di muovere, non solo il sole e l’altre stelle, come scriveva il poeta, ma anche azioni che forse di “amore” non hanno nulla, scelte che a volte possono cambiare la vita o che possono indurre a commettere crimini in “suo” nome. Così può accadere che qualcuno scelga di proteggere il suo amore sacrificando la propria libertà e qualcun altro decida di stravolgere la propria vita per compiacere l’amato o l’amata. Ma c’è anche l’amore per la verità che è forse la forma di amore più difficile da accettare e da affrontare perché è in lotta continua con dubbi e incertezze, ed è la forza che muove gli Ammutinati del Club Montecristo a far luce su un atroce dubbio: l’innocenza di un membro del Club. Scoprire la verità spinge Lans, Arno e Zero Zero a svolgere indagini “para” legali per dimostrare l’estraneità al delitto di un Ammutinato ritenuto colpevole ancor prima che vengano svolte le indagini.

A fare da contraltare alla ricerca della verità, la certezza della polizia che non ha dubbi: Ares Malerba è l’assassino dello stilista Bruno Muta perché conosceva la vittima, perché la sua presenza era stata rilevata dalle telecamere in prossimità del luogo del delitto, infine, perché in regime di libertà vigilata non si era presentato al lavoro proprio il giorno in cui il reato è stato commesso. Di fronte a queste evidenze appare difficile scagionare Ares. Ma nulla è come appare e questo gli ammutinati lo sanno bene in quanto spesso hanno subìto questo pregiudizio. Così, grazie agli “agganci” di Primo (nome del deus ex machina del Club), le abilità dei membri del Club e piccole ma “innocenti illegalità” la verità, brutta o bella che sia, verrà a galla.

Un romanzo davvero ben costruito, con una trama che coinvolge sia per come sono stati definiti e delineati i personaggi sia per la capacità di far emergere l’aspetto psicologico ed emotivo. C’è bellezza nelle descrizioni dei sentimenti, sensibilità nel trattare argomenti delicati, astuzia nel costruire le relazioni fra i personaggi e geniale ironia. Fabiano Massimi ha affinato la tecnica narrativa che è più attenta, più ricercata e, da amante delle parole, è stato molto raffinato nel giocare con le stesse, usandole a proprio piacere per far riflettere, per insinuare e per divertire il lettore. Nonostante sia il secondo della serie, “Vivi nascosto” non risente del precedente. Le storie dei protagonisti, la vicenda in sé, la genesi del Club, sono inserite nel racconto con molta intelligenza e dunque chi ha letto “Il Club Montecristo” non subisce ripetizioni, per chi si avvicina a questo romanzo come prima lettura, non risente di lacune legate al primo.

Luciana Fredella


Lo scrittore:
Fabiano Massimi è nato nel 1977 a Modena, dove vive tuttora. Laureato in Filosofia tra Bologna e Manchester, bibliotecario alla Biblioteca Delfini di Modena, da anni lavora come consulente per alcune tra le maggiori case editrici italiane. È autore dei thriller storici L’angelo di Monaco (Longanesi, 2020), in corso di traduzione in 10 lingue, e I demoni di Berlino (Longanesi, 2021). Vivi nascosto è il secondo episodio della serie del Club Montecristo, vincitrice del prestigioso premio Alberto Tedeschi per la letteratura gialla inedita.