Paola Sironi – I giorni dell’illusione

313

Editore Todaro / Collana Impronte
Anno 2022
Genere giallo
200 pagine – brossura e epub


In una Milano sommersa, quella della cripta Ca’ Granda, viene ritrovato il cadavere ormai divenuto scheletro di un uomo. A scoprirlo è l’ispettore Caterina Cederna che durante un appuntamento con il dottor De Rovere si ritrova davanti la scena di un crimine. De Rovere, uomo colto e prolisso, sembra però subito riconoscere l’orologio che lo scheletro ha al polso: è uguale a quello da cui non si separava mai un suo amico scomparso otto anni prima dopo aver attuato una truffa milionaria.

La squadra Problem Solving, di cui la Cederna fa parte, e conosciuta anche come la squadra “Desbrujà rugne”, si mette subito al lavoro sul caso nonostante l’imminente matrimonio di Annalisa Consolati: lei e Minerva potranno finalmente coronare il loro amore, ora che si sono allentate le misure restrittive anti-covid. Con loro, sempre presente, ci sarà anche Patrizio che da mesi pare riuscire a inventarsi storia sui film che ha visto, quasi volesse poter scrivere i loro sequel.

Ai giorni dell’illusione era seguita una lunga estate euforica, che però non mantenne le sue promesse. Tornò l’autunno, e insieme alle foglie iniziò a cadere la fiducia nel futuro. A novembre ci si rassegnò alla consapevolezza di aver vissuto una falsa partenza.

La squadra capitanata da Elia Mastrosimone dovrà indagare su un intricato caso risalente ormai a otto anni prima, dando sempre retta non solo ai fatti ma anche all’istinto personale dei protagonisti. In un intricato avvenimento in cui nulla è quello che sembra.

La squadra Problem Solving torna in libreria con il terzo volume (Donne che odiano i fiori e Sotto scorre il fiume completano l’attuale trilogia) che vede protagonista Annalisa Consolati e la squadra diretta da Mastrosimone, soprannominata “Desbrujà rugne”. In questo volume, l’autrice ha coraggiosamente voluto mantenere la verosimiglianza col periodo storico da tutti noi appena vissuto, facendo muovere i suoi personaggi in territori e norme pesantemente influenzati dalla pandemia mondiale che dal 2020 ha sconvolto le nostre esistenze. Da lettrice ho apprezzato il non volersi nascondere dentro la fantasia, scelta che comunque sarebbe stata adatta al mondo letterario. I personaggi della Sironi, in questo volume, si presentano a noi con le mascherine sul volto e difficilmente possiamo notare le loro caratteristiche: e cosa può celarsi dietro a un viso parzialmente coperto?

La scrittura è lineare, il lettore può facilmente seguire le indagini passo per passo, proprio come gli amanti del giallo adorano poter fare, ma ci viene anche fornita una prospettiva nella mente dell’assassino che non dispiacerà agli amanti del noir, per quanto breve. Nonostante il personaggio di Annalisa Consolati possa essere definito principale o protagonista, ed è infatti su di lei e sulla sua vita che abbiamo più informazioni approfondite, l’intera squadra partecipa però attivamente alla risoluzione del caso che, senza uno dei personaggi, rimarrebbe probabilmente un mistero. Nel complesso, I giorni dell’illusione è capace di regalarci delle ore interessanti che portano luce sui luoghi milanesi e sui personaggi milionari che ruotano attorno alla società odierna senza lasciare indietro la storia contemporanea del nostro Paese.

Adriana Pasetto


La scrittrice:
Paola Sironi, nata nel 1966 a Milano, vive nell’hinterland milanese e attualmente è analista funzionale presso una società di credito. I giorni dell’illusione è il suo settimo romanzo, il terzo che vede protagonista la squadra “Desbrujà rugne” della Questura di Milano, serie iniziata nel 2018 con Donne che odiano i fiori e continuata nel 2020 con Sotto scorre il fiume. È inoltre autrice della commedia teatrale La staffetta perenne, rappresentata nel 2017.