Maria Elisa Aloisi – Il canto della falena

354

Editore Mondadori / Collana Giallo Mondadori
Anno 2022
Genere legal thriller
264 pagine – brossura e epub


Ilia Moncada lavora come associata allo studio Marra: avvocatessa penalista, unica in uno studio di avvocati civili, ha un grande intuito che però le è costato un richiamo formale. Nonostante Ilia sappia di non doversi mai fare trascinare in un incarico mossa dai sentimenti, non saprà dire di no davanti a una donna che la supplica di aiutare sua sorella.

«Benissimo.» Irene Marra era sempre soddisfatta quando gli altri sgobbavano. «Allora sbrigati, abbiamo avuto una botta di culo. Si tratta dell’omicidio Politi, il commercialista trovato morto lo scorso maggio nello chalet di Nicolosi. Ti chiameranno i parenti. […]»

Adriano Politi è stato ucciso con due colpi di pistola nella sua abitazione in montagna: la prima e unica sospettata è la moglie, anche grazie ad alcune tracce di DNA trovate sulla scena del crimine. Il processo è alle porte quando la famiglia si rivolge allo studio Marra per chiedere la sua consulenza, e Ilia dovrà affiancare l’avvocato Dito che però non sembra avere esperienza e sagacia.

Osservai attentamente la foto che ritraeva il corpo di Adriano Politi a terra, con il volto coperto da un panno di cotone grigio con ricami laterali che, a prima vista, mi erano sfuggiti.

Nel tentativo di costruire una linea di difesa quanto meno plausibile, pronta a instillare il dubbio, Ilia si ritroverà a scoprire i segreti di una famiglia e il loro passato: quanto conta la verità in un’aula di tribunale?

Vincitore del Premio Tedeschi 2021, Il canto della falena è un giallo legal – o legal thriller – in cui l’avvocatessa Ilia Moncada riesce a portarvi nelle aule di tribunale italiane. Se il genere è ben conosciuto e amato all’estero, in pochi conoscono e apprezzano l’ambientazione italiana perché le procedure sono differenti e forse meno adatte ai romanzi. Ecco però che arriva la Aloisi a farvi cambiare idea. In una Catania divisa tra il centro e il mare, l’autrice costruisce un giallo che tiene incollato il lettore fino all’ultima pagina – anche quello meno appassionato del genere, come me – ricostruendo bene la vita dei tribunali italiani e le procedure, senza renderle mai noiose.

Oltre a tutto questo, come se non bastasse, la Aloisi intesse una trama che, ricalcando il giallo classico, porta il lettore a indagare tramite i propri occhi: siamo sul campo, diventiamo avvocati noi stessi e insieme alla protagonista cerchiamo di comprendere la verità. Quella giudiziaria, almeno. Ilia Moncada è un personaggio che bene rappresenta una nuova generazione del foro: volenterosa e onesta, incapace di mettere la carriera davanti alle relazioni personali, ha un passato familiare che ancora influenza il suo presente. I capitoli, brevi e intensi, permettono al lettore di rimanere sempre al centro della scena: nulla in questo romanzo è superfluo. La Aloisi si dimostra altresì abile nell’avvicinare il lettore al mondo del professionista forense utilizzando un linguaggio comprensibile a tutti.

In più – e questo è sempre particolarmente apprezzato dagli amanti della Sicilia – qua e là ci fa trovare la parlata del luogo e il dialetto, tanto caro all’ormai scomparso Andrea Camilleri, senza che però risulti complesso ai lettori meno avvezzi. Con “Il canto della falena”, l’autrice ci ricorda come la semplicità e la conoscenza di ciò di cui si sta parlando contino ancora molto nel mondo editoriale italiano.

Adriana Pasetto


La scrittrice:
Maria Elisa Aloisi è nata a Lentini e vive a Catania, dove lavora come avvocato penalista. Ha pubblicato nel 2019 Fiutando il vento (premio Il Borgo Italiano). Nel 2021 Il canto della falena ha vinto il premio Tedeschi