David Peace – Red Riding Quartet

714

Editore Il Saggiatore
Anno 2017
Genere: Giallo, Noir, Suspence, Thriller
1433 pagine – brossura e epub
Traduzione di


Red Riding Quartet è una lettura impegnativa, non solo per il numero di pagine (che all’inizio può scoraggiare anche il lettore più allenato), ma anche per i temi trattati. L’autore, nei quattro libri originali della serie (1974, 1977, 1980 e 1983), ha voluto esplorare, in un percorso borderline tra finzione e realtà, le storie di corruzione e violenza che hanno messo in ginocchio lo Yorkshire al cospetto di delitti morbosamente violenti per mano di un serial killer spietato.

1974 è capostipite della serie, il libro in cui vengono introdotti gran parte dei personaggi che avranno riscontro negli altri capitoli. La narrazione non coinvolge direttamente lo squartatore ma crea un percorso obbligato verso le altre “puntate”. Eddie Dunsford, corrispondente di cronaca nera per l’Evening Post, inizia la sua indagine (e successiva ossessione) sul caso di Clare Kemplay, ragazza scomparsa senza lasciare traccia. Da subito Eddie coglie le similarità con altri casi di ragazze svanite nel nulla anche se la polizia non sembra essere dello stesso avviso. Eddie non lo accetta e continua la sua folle indagine alla ricerca della verità…a qualunque costo.

1977 accende i riflettori sul serial killer, il personaggio su cui gireranno gli altri libri della serie. In questo capitolo la polizia è messa a dura prova dall’aumento degli attacchi dello squartatore dello Yorkshire, e ha l’impellente bisogno di trovare un nome a cui attribuire gli efferati delitti.

1980 vede nascere una squadra speciale che ha il compito di condurre le indagini su un binario parallelo e in forma segreta e di incrociare i dati al fine di scovare elementi corrotti che hanno preso parte alle precedenti ricerche.

1983 è il capitolo conclusivo in cui la narrazione si intreccia con le vicende descritte nei precedenti libri, portando a galla verità scomode…
Il filo conduttore dei quattro romanzi, che in questo caso sono raccolti in un unico percorso senza soluzione di continuità, è l’atmosfera surreale, l’incubo che aleggia sullo Yorkshire, che l’autore sfrutta sapientemente per incollare il lettore alle pagine. Non è una raccolta facile da leggere, vuoi per il numero di pagine, vuoi per un linguaggio volutamente volgare, focalizzato sul razzismo, sessismo, violenza corruzione e brutalità.

Una descrizione a tutto tondo (che passa dalla trama alla scelta del linguaggio) del decadimento, della corruzione, del disfacimento, enfatizzata dal comportamento de protagonisti che, nella maggior parte dei casi si rivelano indifferenti, distaccati dal fetido odore della corruzione pur trovandosi completamente sommersi nei liquami della stessa.
Il primo, secondo e ultimo libro della serie, sono stati trasposti cinematograficamente per la televisione britannica una quindicina di anni fa, mantenendo l’anno nel titolo e introducendo il termine Red Riding per creare una connessione diretta tra i tre film (Red Riding 1974, Red Riding 1980 e Red Riding 1983). Gli stessi sono stati trasmessi in Italia dalla rete pubblica nel 2013.

Ho la seria intenzione di andarmeli a guardare per capire come sono state trasposte vicende e personaggi (anche se sono consapevole dell’imminente delusione…come ogni volta che guardo un film tratto da un libro).
Ultima considerazione: come ho già detto diverse volte, il numero delle pagine e il conseguente “spessore” del libro potrebbero scoraggiare anche i lettori più ingordi. Quando ho iniziato a leggere sembrava che non arrivassi mai alla fine, m i sentivo schiacciato dai personaggi e degli eventi e soprattutto dal fatto che davanti a me c’erano ancora centinaia di pagine da leggere. Mi sono dovuto ricredere. Il racconto ti prende, ti invoglia a continuare, a scoprire cosa ci sarà scritto nella pagina successiva, nel capitolo seguente. È un libro che può essere letto tutto d’un fiato o come successione di quattro libri con le dovute pause lettura tra il precedente e quello successivo.

Matteo Bordoni


Lo scrittore:
David Peace (Dewsbury, 1967) è uno dei più importanti scrittori inglesi contemporanei. Con il Saggiatore ha pubblicato – oltre al ciclo del Red Riding Quartet (2017), che comprende 1974, 1977, 1980 e 1983 – Terremoti (2013), Red or Dead (2014), Il maledetto United (2015), Fantasma (2016) e GB84 (2020). La Trilogia di Tokyo è composta da Tokyo anno zero, Tokyo città occupata e Tokyo riconquistata.