Stefano Soli – Il quarto requisito

626

Editore SEM
Anno 2023
Genere Giallo
200 pagine – brossura e epub


Una ragazza semplice. Quando si è trasferita a Trieste dall’Elba per studiare architettura, Anna era proprio questo: una ragazza semplice, a modo, studiosa e diligente, lavoratrice, dalla lunga chioma color miele e dalla bellezza ammaliante. Poi, una sera, mentre serviva al pub a capo chino, Gloria è entrata nella sua vita e ha sparigliato completamente le carte. Diversissima da Anna, Gloria è mora, grande e grossa, sboccata, aggressiva e prepotente. Insieme a lei Anna scopre lati insospettabili di sé: si scopre attrice, appassionata, metodica ma disposta a correre rischi, ma per quanto Gloria l’abbia cambiata e abituata a sfide e pericoli sempre più grandi, Anna non ha ancora perso quel briciolo di umanità che le viene dall’educazione familiare e umile che le hanno impartito papà Libero e mamma Olga; umanità che, in fondo, alberga in ognuno di noi, anche in Gloria che non sembra affatto tenerne conto.

Così, quando la vecchia signora che lei e Gloria cercano di rapinare muore davanti ai loro occhi, Anna si spaventa e scappa. Ma c’è un problema, un inconveniente che non aveva considerato: dalla finestra di fronte una donna ha visto tutto, si chiama Marcella e potrebbe diventare un problema. Ora si tratta di capire come neutralizzarla, compito che, fatta e avventata com’è, non può certo svolgere Gloria. Sarà davanti al pericolo e all’imprevisto che l’architetto che è in Anna prenderà il sopravvento. Ciò che dovrà progettare è ben diverso da una casa, tuttavia dovrà comunque soddisfare tutti e tre i requisiti vitruviani… più uno.

“Il quarto requisito” di Stefano Soli va a ingrossare le fila del sottogenere che va di moda di recente, quello dei libri che coniugano mistero/crimine e arte. È un nuovo trend interessante, questo, per due ragioni: in primis, mentre fino a poco tempo fa l’ambientazione era prettamente storica, oggi qualche autore si avventura con buoni risultati ad ambientare le storie nel presente; in secondo luogo, questi romanzi sono un ottimo pretesto per interessarsi o interessare all’arte, di cui in troppi abbiamo a oggi una conoscenza alquanto approssimativa.

Venendo al libro, si tratta di un noir intrigante, scritto con penna sicura e fluida, ricco di dettagli e descrizioni veritiere, tanto da risultare – e non è un caso – quasi cinematografico. La storia è così tanto surreale che pecca un poco di credibilità, ma questo non inficia in alcun modo la godibilità della trama, appassionante e ricca di colpi di scena fino all’ultima pagina. Le protagoniste, Gloria e Anna, pervicaci e spregiudicate, si somigliano più di quanto potrebbe sembrare. A voi non resta che conoscerle e scoprire cosa le accomuna e che strada prenderanno le loro vite. Noi non possiamo che consigliare questa lettura, davvero coinvolgente.

Rossella Lazzari


Lo scrittore:
Stefano Soli è nato a Roma nel 1965. Agente cinematografico e assistente alla regia, diventa poi autore, regista e sceneggiatore collaborando a numerose fiction e realizzando vari cortometraggi e documentari, tra i quali Furti (Globo d’oro della stampa estera) e le monografie per RAI-SAT, dedicate a Franca Valeri e Gabriele Lavia. Nel 2005 produce il cortometraggio Giorno 122 presentato al festival di Venezia, successivamente sviluppato in lungometraggio e pubblicato come romanzo nel 2021.