Roberto Putzu – Sotto gli occhi

165

Editore Sperling & Kupfer
Anno 2023
Genere Spy story
336 pagine –  brossura e ebook


“Superare il mercato, sfidarlo, anticiparlo, quando tutti si limitavano a seguirlo, per lui era solo la normale quotidianità, quella minima dose di adrenalina capace di assopire la sua spasmodica e continua ricerca di tensione che gli attraversava il corpo e gli nutriva l’anima.”

Il rapimento di Giulia e Alessandro – giornalista lei, trader lui – in vacanza a Bangkok, scatena il concatenarsi di una serie di eventi che rivelano come i due italiani siano la chiave per scoprire l’artefice di un’operazione finanziaria spregiudicata e senza precedenti, capace non solo di spostare gli equilibri dell’economia mondiale in un intrigo di potere che coinvolge uomini di Stato, intelligence e banche internazionali, ma anche di attirare l’attenzione delle organizzazioni criminali più spietate dell’intero pianeta. Roberto Putzu trascina così il lettore in una storia carica di suspense che si dipana fra i meandri oscuri del mondo dell’alta finanza, in un altalenarsi di tensione, adrenalina e colpi di scena che lo condurranno ad un finale davvero inaspettato.

Una storia che si muove fra Oriente e Occidente, in cui diversi sono i piani che si intrecciano e i legami che ne emergono, e di cui Putzu è molto bravo a tenere le fila, intessendo una trama che non si sfalda mai, sempre coerente, comprensibile anche ai non addetti ai lavori, accattivante e ben costruita. Un romanzo dalle diverse sfumature, che regala personaggi interessanti e molto diversi fra loro, ben caratterizzati e appartenenti a realtà completamente opposte, eppure armonici, equilibrati nel loro insieme e quindi sempre coinvolgenti. Non solo quindi Giulia e Alessandro, coraggiosi e appassionati, Brian Olefson, direttore della NSA americana dal carattere aspro e schietto, Yasser Farid, spia pakistana dal carattere fermo e deciso, o Linh Quy, intraprendente ispettore della polizia tailandese, ma anche e soprattutto quelli più lucidi, intelligenti, affascinanti, come Rahim Monsour, spietato miliziano dell’Isis, o Taurus, hacker enigmatico e misterioso, deus ex machina dell’intera operazione.

Ed è nell’intreccio delle relazioni e nell’evolversi di tutti questi personaggi che si esprime la forza della scrittura di Putzu, moderna, scorrevole, descrittiva, precisa ma mai pesante, capace di catapultare il lettore in un’ambientazione che diventa essa stessa personaggio, una Bangkok notturna, violenta, pericolosa, caotica, vissuta nelle sue ore più feroci, che resta attaccata alla pelle e lascia dietro di sé l’ansia di una corsa contro il tempo.
Un romanzo che si dipana fra segreti, intrighi, fughe e sparatorie, una spy story ben ritmata che intrattiene e allo stesso tempo fa riflettere, gettando un’ombra consapevole sulle fragilità degli equilibri dei grandi sistemi contemporanei.

Un ultimo accenno in conclusione merita anche la copertina del romanzo, capace di evocare le atmosfere della storia grazie a un’immagine che si adatta bene al genere.

Linda Cester


Lo scrittore:
Roberto Putzu vive a Olbia, è dottore commercialista ed esperto nel campo finanziario. Il suo thriller d’esordio si intitola L’algoritmo dell’inganno. Con Sotto gli occhi, il primo romanzo pubblicato con Sperling & Kupfer, continua a gettare luce sugli oscuri intrecci tra politica e finanza internazionali.