Stephanie Wrobel – Potrebbe far male

316

Editore Fazi / Collana Darkside
Anno 2023
Genere Noir psicologico
444 pagine – brossura e epub


Sembra che la realtà non conti più di tanto. Il fatto oggettivo viene spesso oscurato da quello soggettivo, perché uno dei più grandi poteri che esistano al mondo è quello della mente: ciò che assume i contorni della concretezza risiede in ciò che si crede. La mente dirige il nostro comportamento, crea suggestioni, ossessioni, paure che per altri sono assurde mentre per chi le prove sono reali quanto ciò che possiamo toccare con mano. E chi ha la capacità non solo di controllare la propria ma anche quella degli altri, possiede un potere assoluto.

“L’obiettivo primario di Wisewood è sconfiggere la paura.
Per riuscirci, bisogna essere vulnerabili.”

Wisewood è una residenza privata, un centro per l’automiglioramento personale, situata su un’ isola al largo della costa del Maine.  Chi decide di intraprendere questo percorso deve mantenere uno stretto riserbo su ciò che  succede ma soprattutto interrompere ogni tipo di rapporto, reale o virtuale, con  quello che si lascia alle spalle.

Sono sei mesi che Kit ha annunciato alla sorella che sarebbe andata a Wisewood, per provare a superare la sua crisi personale e il doloroso lutto per la morte della madre che continua a scavare un abisso dentro di lei. Natalie, da allora, non ha più avuto sue notizie e quando riceve una mail in cui la si minaccia di rivelare alla sorella un suo segreto, decide di partire per il centro in cerca di risposte per le quali non può più aspettare.

“Ho giurato mille volte di dirle la verità,
ma son sempre stata troppo vigliacca per confessare.”

“Potrebbe far male”, nuovo romanzo di Stephanie Wrobel, è un romanzo psicologico che sonda il territorio sconfinato e misterioso della mente umana, con la sua forza e le sue debolezze. Una storia in cui si muta punto di vista tenendo il lettore concentrato su una trama che si snoda tra dubbi e sospetti, dove non mancano fini colpi di scena che hanno la capacità di attirare lo sguardo dove l’autrice vuole.
L’ambientazione in un luogo circoscritto, difficilmente raggiungibile, aggiunge mordente ai fatti che inseguiamo sui passi di personaggi le cui vite sono avvolte nel mistero, che portano, come facciamo tutti, il peso del passato e di quei punti cruciali o di snodo i cui segni son ben visibili sulla pelle così come negli animi.

Un libro che parla della paura, dei legami e delle dinamiche familiari, dei segreti che sono macigni che ci trasciniamo dietro giorno dopo giorno, dei nuovi inizi, di risorse come quella di resistere il più a lungo possibile ma anche del rischio di rendere reale i sogni, trasformandoli in ricordi.

“Muori con i ricordi, non con i sogni.”

Federica Politi


La scrittrice:
Stephanie Wrobel è cresciuta a Chicago ma vive nel Regno Unito con il marito e il cane Moose Barkwinkle. Ha conseguito un MFA presso l’Emerson College e ha pubblicato alcuni racconti su «Bellevue Literary Review». Prima di dedicarsi alla narrativa, ha lavorato come copywriter creativa presso varie agenzie pubblicitarie. Fazi Editore ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, Cara Rose Gold, nel 2021.