Daniele Bresciani – Testimone la notte

442

Editore Bompiani / Collana Narratori italiani
Anno 2022
Genere Thriller
624 pagine – brossura e epub


Rinchiuso in un commissariato di periferia, l’ispettore Miranda si sta occupando nel tempo libero di alcune tagliole che rinviene al Parco delle Cave. Cercando di capire chi sia il responsabile, rinviene la mano di una giovane donna e caccia dall’arto rinvenuto un nibbio che voleva fare un lauto pasto. Profondo conoscitore degli animali, Miranda capisce che qualcosa non sembra essere quello che è. Osteggiato dai superiori, si ritrova però a lavorare con Ascani, e il rapporto tra i due è compromesso da fatti avvenuti precedentemente.

Quando è successo?
A volte se lo chiede.
Quando è successo esattamente che le cose sono cambiate?
Come ha fatto a trovarsi dall’altra parte senza quasi accorgersene?

Grazie all’aiuto di Rizzo e dell’agente Brunner, trasferitasi da poco in città. Miranda si inoltrerà nella storia di una Milano borghese ricollegandosi agli avvenimenti del lontano 1978 quando, in una gita scolastica, quelle che potevano sembrare delle bravate di alcuni ragazzi della Milano altolocata finirono in tragedia.

“Ha sentito parlare del macellaio?”
Benito Bardi inclinò la testa: “Scusi?”

Cosa collega il 1978 al Parco delle Cave? La vendetta? Due episodi che sembrerebbero lontani e diversi si uniscono grazie alle abilità di Miranda che saprà usare la sua sensibilità per risolvere un nuovo caso.

Dopo il successo di Anime trasparenti (Garzanti, 2020), Daniele Bresciani torna in libreria con il secondo volume dedicato all’ispettore Miranda, e al suo collaboratore e amico Rizzo. Miranda, rispetto alla miriade di protagonisti a cui siamo abituati, ha sì un passato doloroso alle spalle ma non è né scorbutico né malmostoso, e anche in questo romanzo mostra chiaramente al lettore tutta la sua sensibilità e le sue grandi capacità investigative. Buona parte del romanzo si svolge nelle vicinanze del Parco della Cave, nella periferia milanese, mostrando così ai lettori una parte della città di cui difficilmente si parla. Bresciani si dimostra nuovamente abile nel costruire trame che intrecciano passato e presente, adeguando la storia a mentalità di epoche differenti.

All’interno di “Testimone la notte”, l’autore sceglie inoltre di analizzare problematiche quanto mai attuali come il bullismo in età scolare e le molestie verso le donne, tra cui lo stalking. Particolarmente interessante è infatti l’ingresso tra i protagonisti di un personaggio femminile, Andrea Brunner, che si inserirà in un ambiente prettamente maschile. Il ritmo è sostenuto, i capitoli brevi si susseguono velocemente facendo sì che il lettore voglia proseguire nella lettura senza prendere mai fiato. Nonostante il romanzo sia corposo, con una storia decisamente complessa, le oltre seicento pagine appaiono leggiadre e sapranno attrarre gli amanti del genere.

“Testimone la notte” è una storia che danza tra l’odio e l’amore, ricordandoci che i sentimenti di vendetta e avarizia potrebbero distruggere la vita di persone innocenti. Nonostante questo sia il secondo romanzo che vede protagonista Miranda, Bresciani è astuto nello scrivere un romanzo che può essere letto sia da solo sia in compagnia del suo precedente, come vi raccomando di fare.

Adriana Pasetto


Lo scrittore:
Daniele Bresciani, giornalista e romanziere, ha lavorato alla Gazzetta dello Sport ed è stato vicedirettore di Vanity Fair e Grazia. Tra i suoi libri Ti volevo dire (Rizzoli, 2013, vincitore del premio Rhegium Julii e del Premio Rieti), Nessuna notizia dello scrittore scomparso (Garzanti, 2017) e Anime trasparenti (Garzanti, 2020), dove fa la sua prima apparizione l’ispettore Dario Miranda.